BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Lug
28

Lacrime di coccodrillo di Nuccio Fava


ORA DI PUNTA


Adesso il cordoglio è unanime. Ma nel modo più alto e a buon titolo è proclamato dal capo dello Stato che esprime “atroce rammarico” per le “insinuazioni e escogitazioni ingiuriose cui era stato di recente pubblicamente esposto”. Lo fanno tutte le istituzioni e i più valorosi giuristi del nostro paese, di ogni tendenza e collocazione. L’attacco cui è stato sottoposto Loris D’Ambrosio – di cui si celebrano ogi i funerali – è stato feroce e inaudito, ma ancora più grave e strumentale perché rivolto anche contro il Quirinale, al di fuori di ogni doveroso rispetto formale e sostanziale per le prerogative costituzionali del presidente della Repubblica.
Assistiamo purtroppo – trane qualche ancor più squallida eccezione – a molte lacrime di coccodrillo, tanto più insopportabili dopo la morte così scioccante di un grande servitore dello Stato, che comunque lo si voglia considerare ha speso l’intera vita al servizio delle istituzioni e per il miglioramento del nostro sistema giudiziario profondamente malato. Avere tentato ingiustamente di trascinarlo nel gorgo fangoso di certi settori della Procura di Palermo e di altrettanti singolari informatori dell’opinione pubblica ha rappresentato per il dottor D’Ambrosio un trauma non sostenibile. Il suo cuore stanco e affaticato si è rotto all’improvviso lasciando tutti sgomenti e sicuramente più poveri e meno attrezzati perché privati, nel dolore di un servitore dello Stato di cui avremmo avuto ancora grande bisogno.

Media 3.00 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*