«

»

Lug
28

L’ape e la mosca

marazico01-framed


N’ape e ‘na mosca avevano ronzato
pe’ più de ‘n’ora dentro a un bel giardino
pieno de fiori, chiuso e ben curato
de ‘na villetta in cima all’Aventino.
Un paradiso vero a primavera,
co’ l’orchidee, le rose e l’erba rasa.
Mentre la mosca era forestiera,
l’ape lì invece aveva fatto casa.
E fu per pura jella e distrazione
che entrate dentro a un vecchio furgoncino,
a un certo punto ritornò er padrone
e ripartì chiudendo er finestrino.
L’ape se disperava pora stella:
– Apri ‘sto vetro, infame farabutto!
Io lì c’ho casa mia ch’è così bella,
e se me porti via poi perdo tutto!
A brutta cosa nera nun fai niente? –
Disse alla mosca tutto all’improvviso.
– Nun te dispiace, brutta deficiente,
de fatte porta via dar paradiso? –
La mosca sorridendo je rispose:
– Capisco che pe’ te ‘sta cosa è un lutto,
hai perso l’orchidee e le belle rose.
Ma quel che piace a me sta dappertutto.

Media 3.00 su 5


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*