BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Gen
21

« Le bugiardiadi alias campagna elettorale»

D


al lontano 26 gennaio 1994, avvento della sua discesa in politica, di messer Patonza, per gli affarucci squisitamente personali (Confalonieri dixit), negli anni ad ogni tornata elettorale nel paiolo delle promesse i soliti intrugli, solite fanfaluche per infinocchiare gli elettori ; che puntualmente ogni promessa dopo il voto veniva disattesa.
Eccoci alle elezione nel 2013, e subito viene preparato il solito menu di cose promesse mai fatte, con, il solito roboante messaggio, che trascrivo pedissequamente :
E SI IMPEGNANO A PROMUOVERE E A REALIZZARE ENTRO LA XVII LEGISLATURA I SEGUENTI PUNTI PROGRAMMATICI
• PER LA FAMIGLIA E PER IL FUTURO DEI GIOVANI
• PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE E DEL LAVORO
• PER LA RIDUZIONE DEI COSTI DELLO STATO E DELLA POLITICA
• PER COSTRUIRE ISTITUZIONI PIU’ MODERNE
• PER UNA GIUSTIZIA DEGNA DI UN PAESE CIVILE
1. Istituzioni adeguate e moderne favoriscono lo sviluppo del paese
• Elezione diretta e popolare del Presidente della Repubblica
• Rafforzamento dei poteri del Governo
• Riforma del bicameralismo, Senato federale, dimezzamento del numero dei parlamentari e delle altre rappresentanze elettive
• Revisione dei regolamenti parlamentari e snellimento delle procedure legislative, con tempi certi per l’approvazione delle Leggi
• Riordino e ulteriore semplificazione della legislazione vigente
• Abolizione delle Province tramite modifica costituzionale
• Con la piena entrata in vigore della riforma costituzionale sul pareggio di bilancio e della relativa Legge rafforzata, superamento del Patto di Stabilità interno per gli enti locali
A questo la diarrea radiotelevisiva e mediatica, che ha tracimato come l’alluvione del Polesine ; dimentichi o sorvolando il fatto che al governo c’è stato e non per poco tempo; ma adesso sfrutta il fatto che forse gli elettori hanno dimenticato dei disastri perpetrati al paese dal duo Tremonti-Berlusconi, scaricando le colpe sul governo Monti ; colpevole di aver salvato il paese e ridatogli credibilità internazionale.
lebugiardiadi Ma anche dall’altra parte non è che sono da meno, hanno il potere che quando arrivano a governare, sono colpiti dalla sindrome di tafazzismo più sfrenato, l’esempio di più calzante è stata la dis-Unione del povero Prodi ; che ha dovuto dibattersi non per risolvere i problemi del paese ma per le querelle interne al governo.
Dei cespugli di contorno, sono stati ossequiosi a seguire le orme del duopolio, saltellando tra un forno e l’altro, ma le giravolte carpiate della Lega sono state olimpiche, hanno dato forma allo stereotipo della politica di comodo.
Dopo aver insultato per lungo e per largo il povero patonza reo della sua ignominiosa fuga dal governo in cui pasturavano insieme , si sono inventati la rivolta delle scope per ricrearsi una verginità politica, cancellare il famigerato cerchio magico, far dimenticare la finanza creativa in Tanzania ed altre amenità tra lingotti, diamanti e ristrutturazioni ad insaputa del capo ; oltre le canotte e abbonamento Sky.
Ma è bastato l’odore delle poltrone, che subito in nuovo conducator leghista, s’è fatto due lire di conto, rendendosi conto che senza l’alleanza col Pdl non andava da nessuna parte, con signorilità contadina è andato col cappello in mano ad Arcore è ha ottenuto la sua brava mezzadria.
La base dura e pura però non l’ha presa bene, tant’è che ha dichiarato : Per l’accordo elettorale col Pdl, dall’interno della Lega “mi sono beccato dei ‘vaffa’” ; e se non bastasse hanno preso a pietrate una vetrina col suo simbolo.
Purtroppo ci sono ben pochi personaggi che riescono a mettere insieme la parte “sana” della politica con la società civile ; si vedono degli amalgami che puzzano tanto di comodo, come le tante listarelle di partitini che ha messo in piazza il patonza.
Vediamo come proseguiranno queste “Bugiardiadi”, in particolare sulle famose liste pulite ; ci saà ancora una volta da ridere per l’ennesima presa in giro politica.

OkNotizie

Media 4.67 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*