BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Gen
23

Le novene della casta

S


E si andasse a votare prima del 15 settembre 2017, ben 608 parlamentari perdono la pensione, come a critto il Messaggero, ci sono tutti gli M5s, compresi gli ex, e ben 209 esponenti del Pd.
I tapini sono preoccupati perché grazie al regalo munifico del “loden” alias Mario Monti, il regolamento aggiornato è per chi è al primo mandato di restare in carica almeno 4 anni, 6 mesi e un giorno per ottenere la pensione; essendo la casta sono cittadini di ottupla A; mente il povero cittadino deve sputar sangue per decenni per aver una pensione.
M adesso arriva un santo protettore nella persona del presidente del Senato Pietro Grasso, che in una intervista al Corriere della sera ha dichiarato: “La vita del governo Gentiloni non è legata solo alla riforma del sistema elettorale. E come presidente del Senato mi debbo augurare che la legislatura duri fino al 2018. Gentiloni ha il compito di ricucire il Paese”.
Posso immaginare i salti di gioia nei corridoi del palazzo, ascoltare poi dal pulpito più alto (seconda carica di stato): “Il governo, deve lavorare a prescindere dalla riforma elettorale. Il Parlamento si occupi di questo, e approvi una legge condivisa e omogenea per Camera e Senato, come ha chiesto il capo dello Stato. Poi però vada avanti sul resto ci sono provvedimenti sospesi e bloccati da mesi. Parlo, e sono solo alcuni esempi, delle modifiche al sistema penale, del delitto di tortura, della concorrenza, del contrasto alla povertà”.
Una riflessione, la vera riforma di ridurre la pletora parassitaria ed avida di benefici e prebende, non se parla; di ridurre lo sperpero della casta de delle P.A. non gli sfiora nemmeno il pensiero; invece basta che un miracolato posi il suo deretano sullo scranno almeno 4 anni, 6 mesi e un giorno, quello è importante da salvare.
E’ proprio il governo che ci meritiamo, il coraggio come le donne anti-Trump non ce l’abbiamo nemmeno quello delle cacerolas in Venezuela, la pavidità regna sovrana.

Media 4.00 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*