BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Dic
07

« Lecchinaggio industriale »

E’


bastato l’afflato, che il patonza ritornasse sulla scena bordellesca per rifare politica, che il paese andasse in fibrillazione ; tant’è borsa in discesa e spread in risalita, rivederselo tra i piedi a quanto pare non lo vuole nessuno.
Ma la cosa, che lascia stupefatti, è la sua immarcescibile arroganza di profferire una delle sue balle spaziali : «Italia sull’orlo del baratro I miei uomini mi chiedono di tornare» e poi : «Mi candido, il Paese è sull’orlo del baratro» ; forse il povero geriatrico d’Arcore è dimentico che è stato lui e la sua compagine di peones e caravanserraglio d’impresentabili a disastrare l’Italia.
Ovviamente i vari network si sono scatenati sulla notizia, ed a quanto si legge non tutti sono sbavanti al ritorno del patonza, su Twitter impazza hashtag “‎#silviotiprego” ; lascio a voi immaginare cosi legge in quella manciata di caratteri, una vera sinfonia di cinguettii.
Però ad onor del vero c’è anche la squadra dei supporter Pdl, con tanto di sventolii di bandiere e striscioni con la scritta Nuova Forza Italia : ma la parte del leone spetta ai suoi fedelissimi nominati.
Da Dagospia si legge :
Ecco chi (finora) ha già deciso di stare dalla parte del Patonza. Si tratta dei parlamentari Mala, Carfagna, De Girolamo, Brambilla, Capezzone, Belcastro, Cosentino, Cesaro, Sbai, Ronzulli, Giammanco, Miele, Calabria, Poli Bortone, Ravetto, Milanese, Laboccetta, Lombardo, Diana, Fori, Casero, Cesario, Bergamini, Pelino, Palmizio, Bondi, Bernini, Brunetta, Mussolini, Pionati, Scarpa Bonazza, Repetti, Bocciardo, Petrenga, Prestigiacomo, Rotondi, Lauro, Fazzone, Gelmini, Mazzocchi, d’Alessandro, Scilipoti, Matteoli, Cutrufo, Minardo, il gruppo di Coesione Nazionale, i senatori campani.
Ma poi ci sono delle dichiarazioni da salivazione fantozziana, eccone qualcuna :
CAPEZZONE: «Berlusconi unica chance contro la sinistra»
PELINO (PdL): “Berlusconi torni al governo per ridare un po’ di serenità agli italiani e competitività al nostro paese”
RAVETTO (PdL): “Berlusconi incarna il centrodestra italiano, moderno e liberale”
Persino un ode del deputato e componente della direzione nazionale Pdl Nino Foti : “Quando l’Italia della Seconda Repubblica ha avuto bisogno in passato di una nuova leadership politica, Berlusconi c’era. Quando l’Italia in piena Crisi Globale ha avuto necessità di un Governo di larghe intese e quindi di un gesto alto e nobile di responsabilità, Berlusconi c’era. Ora che l’Italia ha bisogno di salvarsi e non sprofondare nella crisi più profonda, ora che c’è di nuovo bisogno di qualcuno che difenda gli interessi degli italiani e che lo faccia con autonomia e vigore, ora che l’Italia deve ripartire con una leadership forte e autorevole, Berlusconi c’è … Non posso che accogliere favorevolmente la prospettiva che il principale artefice di tanti successi per il nostro Paese torni in campo “
Non poteva mancare un ode femminile di spicco dell’amazzone Michaela Biancofiore : “Fiat Lux – e fu Luce. L’annunciato ritorno di Berlusconi in campo e la sua probabile ricandidatura alla presidenza del consiglio apre uno squarcio di luce sull’Italia e sulla rinascita del centro destra che è maggioranza silenziosa fra gli italiani … l’entusiasmo è palpabile fuori dai palazzi e le critiche di queste ore non fanno che avallare la certezza di essere all’alba di una nuova vittoria per gli italiani che si affideranno a Berlusconi affinché li tiri fuori dal baratro della recessione aggravata dal governo tecnico … Gli italiani sanno che Berlusconi, attorniato dal meglio delle energie del Paese, riporterà il sole nella asfittica politica italiana che ha caratterizzato questo anno di distanza dalla democrazia e dal principio di sovranità nazionale”
E non sono tutte, ma già leggendo queste, è da mettersi ilk pannolone a tre strati e da non farsi prendere dalle convulsioni da risate spastiche.
E sempre da loro, qualche flebile voce contraria, come la Giorgia Meloni che ha avuto il coraggio di dichiarare : «Considero la ricandidatura di Berlusconi un errore. In ogni caso, decisioni come questa vanno discusse e prese negli organi competenti».
Persino il buon Guido Crosetto ha abbandonato la trasmissione televisiva di Omnibus, con delle argomentazioni ineccepibili, basta vedere il video




Dopo tante peregrinazioni andremo sicuramente a votare politiche, regionali, comunali e forse anche le condominiali tutti insieme allegramente ; se volevano dare un segno d’instabilità mentale politica il Pdl ed il suo padrone , c’è riuscito in pieno ; e sicuramente chi si rallegrerà di questa situazione è quella famosa antipolitica.
Se con il governo tecnico ci stava spennando a quattro mani per sanare i conti della cicala e ridarci una perduta dignità internazionale ; dovremo prepararci alla riedizione della politica alla burlesque.

OkNotizie

Media 4.60 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*