BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Gen
13

L’IMBROGLIO “DOUBLE FACE” di Ennio Simeone


ORA DI PUNTA


Il voto della Lombardia sarà importante non solo per il governo della Regione, ma anche per le sorti del governo nazionale poiché potrà contribuire in maniera determinante ai futuri equilibri in Senato, dove il “porcellum” (che alla Camera assegna il 55% dei seggi alla coalizione vincente su scala nazionale) attribuisce la maggioranza dei seggi alla coalizione vincente su scala regionale. La Lombardia dispone complessivamente di ben 49 posti di senatore su 352 (cioè il 14 per cento della composizione dell’aula di Palazzo Madama), e di questi 29 vanno alla coalizione che arriva prima in quella regione.
Roberto Maroni, leader della Lega e candidato del centrodestra alla successione di Formigoni, ha impostato la sua campagna elettorale collocando al primo posto la rivendicazione che in Lombardia resti il 75% delle tasse che i lombardi pagano. Una rivendicazione che denota una visione gretta e demagogica della politica. Ma fa parte della cultura del Carroccio, quindi non è qui lo scandalo. Lo scandalo è che questa parola d’ordine nasconde – comunque la si voglia leggere – una grande menzogna. Infatti, interrogato – anche durante la sceneggiata con Santoro – sull’argomento e in particolare su come possa conciliarsi il suo sostegno a questa promessa di Maroni con le promesse fiscali che lui va predicando nelle altre regioni italiane e in particolare in quelle del centro sud, il Cavaliere ha sostenuto con grande disinvoltura (e finora purtroppo nell’indifferenza degli oppositori) che i presidenti delle regioni meridionali, appartenenti al Pdl, non hanno nulla da obiettare perché in realtà già oggi rimane in Lombardia il 72-73 per cento del suo gettito fiscale, quindi la differenze sarebbe non più del 2-3 per cento.
E allora le ipotesi sono due: o è Maroni che prende in giro i lombardi o è Berlusconi che prende in giro gli italiani. La conclusione, invece, è una sola: ci stanno imbrogliando entrambi. Con una menzogna “double face”.

Media 4.00 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*