BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Feb
20

« L’opaca trasparenza italica »


Partendo dall’evento, che ha scosso profondamente la Germania, si è assistito al naturale epilogo delle ‘dimissioni del presidente Wulff ; come ha sottolineato la cancelliere Angela Merkel ha dichiarato che: “Il nostro stato di diritto prevede che siamo tutti uguali davanti alla legge”. Ma è uno dei tanti eventi che sono accaduti, ma quando un personaggio politico esula dall’etica istituzionale, ha un preciso dovere di renderne conto ai cittadini, difatti la Merkel ha sentenziato : “Rispetto la sua convinzione di essersi sempre comportato bene, ma non poteva più servire il popolo. È una forza del nostro Stato di diritto trattare tutti allo stesso modo, indipendentemente dalla posizione”.
Allora nel merito : “La locuzione Stato di diritto traduce l’originaria espressione tedesca “Rechtsstaat”, coniata dalla dottrina giuridica tedesca nel XIX secolo.
Fondamento di questa forma di Stato è la salvaguardia della supremazia del diritto e delle connesse libertà dell’uomo. Il concetto dello Stato di diritto presuppone che l’agire dello Stato sia sempre vincolato e conforme alle leggi vigenti: dunque lo Stato sottopone se stesso al rispetto delle norme di diritto, e questo avviene tramite una Costituzione scritta. Il concetto di Stato di diritto si esplica in due nozioni: lo Stato di diritto in senso formale e lo Stato di diritto in senso materiale.” (fonte Wikipedia)
Quindi l’avvento dello stato di diritto pone fine all’assolutismo, ma storicamente, perché se vediamo più da vicino ‘la casta’, troviamo il baluardo dell’assolutismo a difesa dei suoi non diritti ma privilegi, una separazione netta tra il cittadino ‘cosi detto semplice’ e chi lo dovrebbe rappresentare nelle istituzioni.
Da quello che si legge, suoi quotidiani o in rete, nel Parlamento ci sono un centinaio fra indagati, imputati e pregiudicati ; ma allora dov’è lo stato di diritto ? Forse l’eccesso di garantismo nella difesa dalla magistratura, oppure una sorta di “lettera patente” d’immunità omnia comprensiva dal codice civile e penale.
La pulce all’orecchio viene proprio in questi giorni, al solito codicillo infilato gatton gattoni ; per garantirsi, ovviamente bipartisan, un escamotage per l’autorizzazione all’arresto dei senatori ; tutti quella famosa dichiarazione d’essere tutti uguali di fronte alla legge, è valida solo per i cittadini e manco tanto.
Quindi, in tutta tranquillità, possiamo altro che confermare l’asserto del nostro stile di trasparenza opaca, la twitterata di ‘twittopolis’ la dice tutta : “In caso di scandalo, un politico può : suicidarsi in Giappone, dimettersi in Germania. Ridere in altri, come in Italia”.

OkNotizie

Media 4.67 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*