BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Mar
27

Ma quale Medioevo  


Non lasciamoci ingannare dalle coreografie di croci processioni ed esorcismi – che tuttavia ci sono e le abbiamo viste nelle campagne antiabortiste davanti agli ospedali -, il congresso delle famiglie di Verona c’entra pochissimo con la religione. Tanto è vero che il Vaticano, per bocca del Segretario di Stato, Pietro Parolin, ha preso distanza. È un congresso decisamente politico e lo dimostra l’imponente presenza di ministri e parlamentari del nostro governo: il ministro dell’interno Matteo Salvini, il ministro per la Famiglia Lorenzo Fontana, il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti, il senatore della Lega Simone Pillon e Giorgia Meloni (qui un’ampia esauriente descrizione di chi ha promosso il congresso).Legate a questa parata pubblica ci sono proposte di legge – come il Ddl Pillon, la revisione della Legge 194, la riforma dello stato di famiglia, la reintroduzione delle case chiuse, la cancellazione delle unioni civili, dei matrimoni di gay e lesbiche – che hanno come scopo evidente quello di cancellare la libertà che le donne hanno faticosamente conquistato, e il rilievo che vanno assumendo a livello mondiale la cultura e le pratiche del femminismo, come lotta contro tutte le forme di dominio e di oppressione: dal sessismo al razzismo al classismo ai nazionalismi alla devastazione dell’ambiente. Ciò nonostante, ancora una volta, l’attenzione dei media, pur registrando la deriva reazionaria e oscurantista, tace – e ha dell’incredibile vista la mobilitazione che si sta preparando pubblicamente da tempo – sui tre giorni di controconvegno (in coda il programma completo) e sulla manifestazione di sabato 30 marzo, promossi da una quantità incredibile di associazioni, gruppi, e in primis dalla rete Non una di meno. Ma si sa, il movimento delle donne, è, non da ora innominabile. Basta risalire ai romantici adoratori delle madri dell’Ottocento, come Paolo Mantegazza e Jules Michelet, molto letti e amati dalle donne, per capire quanto il fanatismo misogino o l’ipocrisia dei promotori del Congresso delle Famiglie di Verona possano ancora contare su un immaginario e un senso comune diffusi, quanto alla “naturalità” della famiglia eterosessuale, così come del ruolo materno della donna. Dietro la retorica familistica, non è difficile riconoscere il fondamento sessista, razzista, colonialista di tutta la nostra cultura, greco-romana-cristiana.

Media 4.00 su 5


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*