BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Giu
04

« Ma se fosse vero ? »


Di solito nella rete, circolano migliaia di storie da prendere con le pinze, per la stragrande maggioranza sono delle vere e proprie bufale cibernetiche ; in questo mare magnum d’informazioni su Facebook a ridondato questa che riporto integralmente :
Sei hai 2 minuti di tempo leggi con attenzione questo articolo…scoprirai come sarebbe facile uscire dalla crisi se i malfattori fossero assicurati alla giustizia, pagando i loro debiti, ma siamo in Italia..i tg non ne parlano, i giornali fanno finta di niente. Gli interessi in ballo sono enormi e chi ha scoperto gli scheletri negli armadi,dopo anni di onorato servizio è costretto a dimettersi,leggi e se vuoi fallo sapere a tutti in che paese di merda, nostro malgrado viviamo, anche se purtroppo lo sanno già tutti, anche i neonati.
Umberto Rapetto non è più un colonnello della Guardia di Finanza. Ufficialmente e formalmente si è trattato di dimissioni. In verità, pare che desse parecchio fastidio ai “poteri forti”, alla politica e alla criminalità organizzata. Per questo è stato “gentilmente invitato” a farsi da parte.Chi è Umberto Rapetto? Per i più si tratta di un nome insignificante. Eppure siamo di fronte a un super esperto di informatica e lotta alle frodi. Autore di numerose pubblicazioni, è anche docente universitario. Gli Stati Uniti ce lo invidiano.Le sue competenze e la sua intensissima attività hanno consentito al nostro Stato di individuare migliaia di evasori fiscali. Peccato che poi le somme concretamente recuperate sono minime. Per cinque anni, Rapetto ha seguito tutti i componenti delle organizzazioni che gestivano il gioco d’azzardo in Italia senza pagare le imposte. Finché un giorno, ha chiuso il dossier, facendolo arrivare ai carabinieri: ha fatto arrestare quindici persone. Rapetto si è presentato in giudizio con migliaia di pagine di prove e con conti precisi: le società dei videopoker sotto accusa devono allo Stato di 98 miliardi, 456 milioni, 756 mila euro. Cifra mostruosa, superiore persino alle ultime quattro manovre finanziarie messe assieme. Gli imputati che sono stati tutti condannati penalmente hanno patteggiato, anche se Rapetto era contrario: il colonnello sosteneva che dovevano restituire fino all’ultimo centesimo di euro. Alla fine i giudici si sono rivolti alla Corte dei Conti la quale ha preso atto della condanna penale della Cassazione e ha imposto agli imputati il pagamento di appena 2,5 miliardi di euro. Lo sconto è di quelli che nemmeno nel più pazzo dei supermercati: 96,5%! Qualcuno ne ha parlato in tv? Ovvio che no, la farfallina di Belen, i dettagli delle cenette simpatiche di Arcore o il sole in Primavera sono argomenti ben più importanti.
In sintesi, l’attività del colonnello Rapetto consente di accertare 98 miliardi e mezzo di evasione fiscale ad opere delle società che operano nel gioco d’azzardo. E che fa lo Stato? Concede uno sconto del 96,5%! Già, perché se a non pagare le imposte è un piccolo imprenditore o un normale cittadino, si interviene con i carri armati. Se a a evadere sono le grandi società, si va coi guanti, c’è il super premio. Quel premio che non c’è stato per Rapetto. Costretto a dimettersi perché faceva fin troppo bene il proprio mestiere. Proprio sicuri che una Repubblica in cui l’immoralità è la norma debba essere festeggiata? Fate voi
(dal sito
(https://www.facebook.com/pages/ITALIA/113188962046287))
Questo è il suo link su Facebook : https://www.facebook.com/profile.php?id=1429931687&sk=wall
La stessa poi l’ho ritrovata su qualche quotidiano e settimanale, ma senza dargli tanta importanza, resto solo il fatto , che se fosse vera questa storia siamo allora ridotti proprio male.

OkNotizie

Media 4.33 su 5
Share


4 commenti

No ping yet

  1. Massimiliano Miniati
    Massimiliano Miniati scrive:

    Che schifo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  2. Max Miniati
    Max Miniati scrive:

    Ho conosciuto personalmente Rapetto anni fa. Persona fantastica sopratutto nel suo lavoro. Il GAT era funzionante…anche troppo…
    Spero che trovi fortuna in America dove peraltro ha insegnato.

  3. Avatar
    Angela Passera scrive:

    tutti loro hanno un orto da coltivare, salvare l l italia usando i miliardi degli evasori , nei paradisi fiscali anche italiani , si può , ma smascherando le loro conivenze , gli occhiolini o i taciti assenzi . Se le indagini raggiunte a risultati così eclatanti vengono punite tanto gravemente con l appoggio anche della magistratura , non toglie più alcun dubbio sulla colpevolezza di tutti, nessuno escluso.

  4. Avatar
    Tea Cernigoi scrive:

    Da tutto quello che ho letto ed dalle informazioni avute sembra che sia tutto vero, che porcate fenomenali!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*