«

»

Mar
05

Marò arrestati: Latorre e Girone oggi davanti al giudice di Kollam



I due militari italiani che sono accusati dalle autorità indiane di avere ucciso due pescatori il 15 febbraio scorso, scambiandoli per pirati, oggi compariranno davanti al giudice di Kollam. In ballo c’è il loro futuro. Latorre e Girone rischiano il carcere.
Questa mattina scade il termine ultimo della custodia preventiva di due settimane, che era stata disposta dal giudice per consentire lo svolgimento delle indagini, L’appuntamento in tribunale a Kollam per i due fucilieri del San Marco è alle 10 (ora italiana). Ma i loro legali hanno messo in conto anche la prospettiva più pessimistica.

continualeggeresupanorama

Media 3.00 su 5


2 commenti

No ping yet

  1. Avatar
    Gesualdo Gustavo scrive:

    I due marò hanno sbagliato?
    Devono pagare.
    In India non sei in italia, dove ammazzi, stupri e fai il porco comodo senza andare in galera.
    Stecchino in India sarebbe già appeso ad una corda.
    In italia nemmeno in galera!
    Stecchino pluriomicida sta a casa sua!
    Imparate cosa è una giustizia che funziona in un paese civile.
    Cosa credete che la giustizia indiana si beva la “sospetta scomparsa” dei dati sulla scatola nera dalla nave napoletana Lexie come la giustizia idagliana si beve la scomparsa dei dati della scatola nera della costa concordia, o la “sospetta scomparsa” del personal computer di stecchino o non si domandi perché le apparecchiature salva-navi della capitaneria di porto di livorno comandate da che falco fossero spente?
    Ma dove vivete, nella preistoria?
    Altro che bizantinismo!
    idagliani, svegliatevi che è anche l’ora!
    Gustavo Gesualdo
    alias
    Il Cittadino X

  2. Francesco Iagher
    Francesco Iagher scrive:

    Egr. Gustavo Gesualdo
    Giusto per doverosa informativa:
    – l’I.B.O. (International Bureau Maritime, ente internazionale ) ha già chiarito che la nave italiana era in acque internazionali fornendo gli elementi del satellite, non certo manipolabili.
    – La scatola nera non può essere toccata da terzi ed è autoalimentata, solo personale tecnico “autorizzato” può prelevarla per gli esami di merito ai fini giudiziari e/o assicurativi.
    – Quanto alla giustizia italiana non dobbiamo certo imparare dall’India, dove esistono ancora le diseguaglianze sociali come le caste.
    Quanto alla Concordia, non era oggetto dell’articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*