BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Lug
25

« Memores Domini »


Alla stragrande maggioranza degli italiani, sembra una associazione cattolica dell’otto per mille, al massimo uno dei tanti conventi o monasteri sparsi per l’Italia ; invece è una vera e propria associazione o congrega d’affari.
Difatti : « Memores Domini sono un’ associazione laicale cattolica i cui membri vivono i consigli evangelici di povertà, castità perfetta e obbedienza sotto l’egida del movimento ecclesiale di Comunione e Liberazione, avendo come ambito di apostolato il mondo del lavoro. L’associazione viene chiamata dagli aderenti e dai simpatizzanti di Comunione e Liberazione anche Gruppo Adulto. Sebbene i suoi membri provengano dal movimento fondato da Mons. Luigi Giussani, quest’ultimo non ha fondato i Memores Domini, ma ha assecondato l’aspirazione di alcuni suoi ex-studenti a vivere secondo i precetti evangelici di povertà, castità e obbedienza, nel rispetto dell’imperativo benedettino ora et labora». (Fonte Wikipedia)
Ma leggendo sulle cronache di questi ultimi mesi, un suo esponente tutto ha meno che l’odore di “ora et labora” è più “gaudemus che qualcuno me lo paga” ; difatti salvo l’incarico , si fa per dire, di longa data in quel del Pirellone, sono sotto gli occhi di tutti le sue vacanze faraoniche.
In effetti, mal si sposa il consiglio di povertà, quando si sgavazza nei Caribi, Sardegna, Costa Azzurra ed altre località amene ; il precetto evangelico di povertà è decisamente fuori luogo.
Tant’è che vederlo in mise chiassose o saltellare in acqua da panfili, non ha nulla a che vedere con quei principi benedettini e manco alla lontana con quelli evangelici ; sanno molto di più di un vivere faresicamente grazie al momento di grazia “politica”.
Come diceva il direttore di La7 Enrico Mentana, di dove e come trascorre le ferie, “nun ce ne po’ fregà di meno ; ma qualche pensieruccio al modus operandi viene ; non sembra proprio sobriamente ai canoni che professano i suoi confratelli.
Tant’è, che il presidente di Comunione e Liberazione, don Julián Carrón scrisse che è stata “umiliata da chi ha sbagliato ; “Se il movimento di Comunione e liberazione è continuamente identificato con l’attrattiva del potere, dei soldi, di stili di vita che nulla hanno a che vedere con quello che abbiamo incontrato, qualche pretesto dobbiamo averlo dato”.
Ergo di celeste c’è ben poco salvo il partito d’appartenenza.

OkNotizie

Media 4.33 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*