BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Apr
17

Morire di responsabilità ? di Stefano Clerici


ORA DI PUNTA


Di responsabilità si può anche morire. Pierluigi Bersani, per responsabilità, decise un anno e mezzo fa di appoggiare il governo Monti. Se fosse andato subito al voto avrebbe fatto il pieno dei voti sbaragliando la concorrenza. Risultato: ha vinto le elezioni ma di fatto perdendole, Renzi continua a fare il “giamburrasca” e il Pd è sull’orlo di una traumatica scissione. Mario Monti accettò, per responsabilità, di guidare un governo tecnico il cui bilancio finale è stato onestamente semi-fallimentare (unica nota positiva il recupero di una credibilità internazionale che era sotto zero) e decise poi, nonostante quell’esperienza, di “salire in politica”. Risultato: un’impresa elettoralmente devastante, per lui e per il Paese, che oggi probabilmente lo avrebbe “acclamato” presidente della Repubblica.
Gli “irresponsabili”, invece, godono tutti ottima salute. Il Cavaliere, dopo aver sopportato per un po’ il governo Monti, se n’è fregato della responsabilità e ha staccato brutalmente la spina. Risultato: la resurrezione del Pdl, partito che era dato per morto e che ha avuto invece un fenomenale recupero, fino a sfiorare la vittoria (che oggi, secondo i sondaggi, otterrebbe). Beppe Grillo è “irresponsabile” per natura, per definizione: non accetta accordi o compromessi. Lui vuole tutto, vuole il 100% dei seggi e gli altri devono andare tutti a casa. Risultato: il Movimento 5 Stelle ha preso il 25% dei voti, è un terzo del Parlamento, nonché il primo artefice, per conclamata e rivendicata “irresponsabilità”, dell’attuale paralisi. Con la prospettiva di incrementare il bottino al prossimo “giro di ruota”.
Con questa storia alle spalle ci accingiamo a eleggere il capo dello Stato e, magari, a far nascere un governo. Con un accordo Pd-Pdl in nome della “responsabilità”. Ma attenzione: a Berlusconi – parole non di un noto bolscevico bensì di Ignazio La Russa – piacciono assai le donne e in questo momento il Cavaliere sta facendo una corte spietata a una signora che di nome fa Salva e di cognome Condotto. Il Pd dovrebbe forse stare attento a non confondere la “responsabilità” con quel micidiale virus dell’autodistruzione che lo ha colpito da tempo e da cui non riesce a guarire.

Media 3.00 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*