«

»

Gen
10

« Opinioni variegate sul PD »

lorenzoilmagnifico

U


Gad Lerner su Facebook scrive : “Il tiro al bersaglio dei renziani ai ministri del governo Letta sarebbe encomiabile, se solo dichiarassero che vogliono provocarne la caduta”.
Mentre su Espresso, alla rubrica Parole nel vuoto di Massimo Cacciari, scrive : “
Giusto o sbagliato c’è solo Renzi – È necessario sperare in lui. Anche perché non ci sono alternative. Ma incombe una prova decisiva: le elezioni europee di maggio. Da vincere, insieme a Letta, contro un massiccio blocco populista composto da Beppe Grillo, Berlusconi e Lega”
E così via sui network e sui giornali, stile innocentisti e colpevolisti, a sperticarsi sul giovin quarantenne rottamatore, che con stile grillesco impera su Twitter e Facebook ; per distribuire il “renzipensiero”, che solo lui è e sarà la panacea di tutti i mali pregressi, correnti e futuri del paese.
Che ci sia da rinnovare la classe politica mi sembra giusto, mettere già un limite all’età pensionabile a 65 anni più il furto dei 18 mesi di proroga del Tremonti ; quindi scollarsi dagli scranni e se vogliono rendersi utili, prestare volontariamente “aggratis” la loro esperienza ai giovani virgulti.
Però per farlo c’è modo e modo, come nel prospettare certe panacee senza una preventiva verifica di fattibilità, vedi un flash di Adnkronos/Ign . “ Il segretario del Pd ha presentato mercoledì sera nella eNews il suo piano: ”E’ una bozza”. – E sul sito del Pd il ‘JobsAct’ in pillole VIDEO – Ilministro del Lavoro: ”Proposta di Renzi non è nuova ma va dettagliata meglio”.Bonanni (Cisl): ”Piano ci convince”. Camusso (Cgil): ”Finalmente Pd torna a fare proposte ma ci aspettavamo maggiore ambizione”. Tra le proposte della bozza la riduzione delle varie forme contrattuali, l’aumento della tassazione sulla finanza, l’assegno universale per chi perde il posto”.
Il nuovo ha sempre affascinato gli elettori, poi ancor di più quando si erge a paladino promettendo mirabilia da libro dei sogni ; ma attenzione questo è stato già vissuto per circa un ventennio di false promesse, scadere nel populismo e nella demagogia ci vuole un attimo.
E tra le tante opinioni, dovrebbe riflettere che non è il nuovo che avanza, bensì
la conferma dell’antropologicamente diverso dai comuni mortali, avendo un “concuisisiede” multiruolo per le varie poltrone.
Se son rose fioriranno, altrimenti come quella vecchia canzone “la mi porti un bacione a Firenze”.

Media 4.60 su 5


2 commenti

No ping yet

  1. attilio cece scrive:

    secondo me il maggior avversario di Renzi sarà l’astensionismo che confermerà la disaffezione della gente (sana, normale, comune, onesta) nei confront di questa classe politica a dir poco inetta, e non altri partiti.
    Il tragico è che questa protesta, l’unica e vera!, non verrà compresa, in termini di cambio del comportamento, da questi parassiti.

  2. john Maxe scrive:

    Renzi è un omologato dei gruppi filoeuropa/Germania/Massoneria/Builderberg/global/finanze.
    Nulla di nuovo dice e non farà se non (speriamo che no)di andare lui al governo.
    Speriamo nel crescere maturo di movimenti popolari uniti che impongano ai governanti precisi dietrofront nelle politiche finanziarie,economiche e non solo.l’Italia ,per tornar quello che fu,deve liberarsi di tutti i burattini,robot sfornati nelle fucine della Bocconi ed altre “università” colluse con lo strapotere europeo.Via da €,si alla Lira ed alla sovranità popolare democraticamente riaffermata.Gli Italiani rivogliono il lavoro per loro senza padroni e sfruttatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*