«

»

Mar
29

Pensierino di Falbalà


E dopo poche ore eccomi di nuovo in redazione, un caffè veloce e poi subito la prima tempesta della mattina con la mazzetta stampa che non arriva: siamo pronti per il quotidiano percorso di sopravvivenza. E mentre il premier Bean prosegue con i suoi slogan e la realtà marcia su binari opposti, noi cittadini continuiamo ad assistere al teatrino preconfezionato e ci salvano soltanto due cose: l’ironia ed un passaporto valido per l’espatrio. Mi immergo nella preparazione della diretta televisiva e sogno una tazzina di Herend con caffè cremoso, profumo di fiori freschi e lame di luce attraverso le persiane per un risveglio lento e rilassante… ma il riposo dovrà attendere, ed il lavoro incombe. Buongiorno, amici!

Media 4.00 su 5


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*