BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Mar
08

Politica: istruzioni per l’uso


Prendo spunto dai commenti ricevuti sui vari social per chiarire alcuni punti fondamentali i quali dovrebbero essere dei “cardini” per un uso corretto della politica e dei suoi attori. In questo piccolo blog, se avete avuto modo di osservarlo, i nostri opinionisti non hanno mai preso posizioni per l’una o per l’altra fazione in campo ma si sono limitati a sottolineare quello che la politica ogni giorno manifesta indipendentemente da chi siano i protagonisti. Risulta quindi facile fare delle critiche con i soggetti in questione tanti sono gli scheletri nell’armadio che questi figuri hanno, e che stanno guidando l’Italia verso il baratro. Ma una buona parte della colpa l’hanno anche gli italiani rei di essere sempre divisi in faziosismi da stadio con “il mio è meglio del tuo” e via discorrendo. Fare degli esempi sarebbe troppo lungo ma che siano verdi, gialli e rossi, tutti sono condannabili moralmente in egual modo e sarebbe perfettamente inutile arroccarsi sull’inciso “il mio ha rubato meno del tuo”. E’ grazie a questa faziosità che il politico vive e vegeta inoculando nelle menti del popolo quello che vuole fargli vedere. Tutto è confezionato affinchè ognuno di noi prenda una posizione e non veda chiaramente la realtà. La politica oggi è come un tumore e la migliore medicina è farlo morire di fame. Gli stati devono avere un governo e da che mondo è mondo la politica ha sempre arricchito i loro rappresentanti, ma oggi qui in Bananalandia stiamo veramente esagerando. Facciamo un esempio alla data odierna: tra la faccenda del Monte dei Paschi, le ruberie di vari onorevoli, e il caso Berlusconi/Ruby quale di voi secondo è più grave? Ve la do io la risposta popolare: il 33% Berlusconi, il 33% ruberie varie, il 33% Monte dei Paschi. Analizzando bene nel dettaglio senza faziosismi, lo scandalo del Monte dei Paschi rappresenta il più grosso scandalo europeo relativo ad una banca dove nessuno sa chi ha attinto ai loro fondi e donazioni. E’ vero che è una notoria banca della “sinistra” ma io credo che il coinvolgimento sia totale. Il popolo, quello cazzuto, dovrebbe pretendere ed invocare la vera giustizia su di un fatto che può veramente coinvolgere tutti e farci finalmente capire chi mente oppure no. Ma il politico, conoscendo il popolo beota, ti distrae con le cazzate (scusate l’enfasi gergale) e il fazioso abbocca e si perde dietro un anziano a cui piacciono le donne. Fino a che noi popolo non sovrano non matureremo in tal senso a Montecitorio ci saranno sempre le solite facce oppure facce vecchie mascherate da nuove le quali ci daranno rinnovate speranze ed illusioni mentre tutto intorno a noi sarà in totale decadenza.

Media 4.33 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*