«

»

Set
24

« Politìčeskoe Bjurò (politburo) dell’asilo Mariuccia in fermento»

grillosckipravda

I


l tribunale cibernetico dei pisellini (Di Pietro dixit), è in pieno fermento per accondiscendere alla desiderata dei Primo Ministro e Presidente del movimento assolutista secondo solo all’epoca di Stalin.
L’unica cosa che gli manca, dopo l epurazioni, un bel gulag siberiano ma purroppo per loro devono accontentarsi della gogna mediatica ; o più banalmente all’insulto e minaccia nascondendo la faccia.
Dopo le diverse espulsioni, imposte dall’alto, adesso sta crescendo ina maniera esponenziale la diatriba tra il senatore Lorenzo Battista, l’incontro è stato un nulla di fatto ; ma il coraggio leonino dei capi, non vuole più procedere all’ espulsione dall’alto ; il precedente caso di Adele Gambaro l’hanno pagato a caro prezzo a livello d’immagine.
Ma è così, è un movimento assolutista, tentano di fare i primi della classe ma non hanno l’umiltà d’imparare, fare politica non è solo fare procalami o slogan, ma saper usare le istituzione per il bene del paese.
Si legge su Lhuffingtonpost

Nessuna sottoscrizione, fanno sapere a Milano, al massimo possiamo convocare un’assemblea della base e lasciare a iscritti e attivisti la decisione. Il guru ascolta le rimostranze, non forza la mano e accetta il nuovo modo di procedere. Il 14 settembreè convocata una riunione di tutti i meetup friulani e giuliani a Palmanova. Sulla bacheca pubblica i toni sono soft. Si parla infatti di un dibattito “sulle affermazioni sui giornali del cittadino Lorenzo Battista portavoce al Senato”. Ma le reazioni non sono comunque unanimi, anzi. “Non mi sembra che Lorenzo abbia detto niente di grave” osserva Paolo Romano. “Se fate un’assemblea per delle proposte da portare ai nostri candidati, partecipo volentieri. Altrimenti preferisco spendere il mio tempo per il Gdl amianto o la pedonalità del mio comune”, gli fa eco Emanuele Romano. Davide Stanic è tra i più netti: “Trovo agghiacciante che Lorenzo venga messo in discussione. Per quanto mi riguarda lui si è speso per portare avanti le istanze della mia terra e posso solo ringraziarlo. La partecipazione non è votare l’espulsione di qualcuno”. Ma è Francesca Leto a fornire un indizio su quel che sta succedendo nel backstage: “Trovo assurda l’indizione di questa assemblea con questo ordine del giorno. Un’assemblea voluta dall’alto. Cos’ha detto Lorenzo di così sbagliato?”.


Quindi si deduce che ancora qualcuno usa la propria testa e non ha portato all’ammasso il cervello per essere plagiato alla Scientology ; ma come prevedibile la resa dei conti è dietro l’angolo ; i due cacicchi non possono perdere la faccia ed ancor più il potere ; se non loro ma chi per loro provvederà all’epurazione e relativa gogna mediatica..

Media 4.60 su 5


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*