«

»

Nov
07

Quanno che ho preso foco

marazico01-framed


Ormai so’ ‘na carcassa puzzolente
abbandonato dentro a ‘n capannone.
Attorno a me qui è tutto fatiscente,
gomme, ferraja e cacca de piccione.

Dentro de me ce stava tanta gente
quanno che ho preso foco giù ar Tritone.
Fortuna che nun è successo niente,
che nun ha fatto morti l’esplosione.
Pare che ‘na ragazza s’è ustionata,
chissà ‘ndo’ l’hanno poi ricoverata.

Da tempo me sentivo poco bene.
Facevo scricchiolii e ‘n rumore strano,
perdevo olio e benzina da le vene…pardon, dai tubi,
mica so’ ‘n cristiano…
È che dopo tant’anni de carriera
a scarrozzavve da matina a sera
m’ero, pe’ così dire, “umanizzato”,
e ner parlà dell’acciacchetti mia
quann’è a la fine me so’ abituato
a daje er nome de ‘na malattia.
Quanno battevo in testa “starnutivo”,
se me ingolfavo “avevo la bronchite”,
e poi se la mattina nun partivo
la colpa era der freddo e dell’artrite.

Mo quanno leggerete ‘sta poesia
con cui m’ha dato voce Marazico,
io già lo so che su ‘sta storia mia
(e ve conosco bene se lo dico)
comincerete, perché è questo er clima,
a da’ la colpa a chi governa adesso
o puramente a chi ce stava prima.

Siccome io so’ morto, ve confesso
che de ‘ste cose nun me frega niente
e lasso le polemiche alla gente
che ha tempo da spreca’ su la tastiera
a scrive fesserie da mane a sera.

Roma me mancherà.

Da regazzino,
ricordo che ‘na sera all’Aventino,
mentre scennevo giù verso Testaccio,
vidi du’ innamorati in un giardino
inturcinati persi in un abbraccio.
Illuminai pe’ ‘n attimo soltanto
cor raggio bianco de l’anabbajanti
quell’attimo dolcissimo d’incanto.

Ieri ce ripensavo a quei du’ amanti.


Domenica prossima a Roma si vota per la possibilità di privatizzare il servizio di trasporto ora gestito da ATAC. Non ho le idee chiare, vedrò di informarmi meglio in questi giorni. Di certo non voterò accecato da motivazioni ideologiche come faranno, purtroppo, in molti.
In tanti dicono: “Peggio de così…”.
Non vi credete. Quelli che prendo io (TPL) sono già privati e fanno schifo uguale. Ma il discorso è più complesso.
Intanto mando un commosso pensiero al mio povero romantico autobus che giace abbrustolito in un lurido capannone.


Media 4.00 su 5


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*