BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Lug
11

Quello che direbbe Enrico

marazico01-framed


C’è ‘n po’ de gente dentro la sezione,
saranno ‘na dozzina de persone.
Enzo vorebbe legge li giornali,
ma s’è dimenticato de l’occhiali.
Giovanni, Pietro, Libero e Tonino
giocano a scopa e fanno un gran casino.
Maria, Vincenza e Giulio a naso in su
guardano Omini e Donne alla tivvù.
Marisa fuma, pure se ‘n se po’,
Renata mette a posto sur comò.
Marcello vo’ parlà cor nipotino,
ma sta a combatte cor telefonino.
Spartaco naviga in rete sul sofà
poi a ‘n certo punto inizia a bestemmià:
«Che ha detto questo? Ma nun ce se crede!
La Lega? Mo’ de chi sarebbe erede!?
‘Sto delinquente, ce sta a sfotte pure,
dice che vo’ riaprì Botteghe Oscure!
Roba da chiodi! Senti che te dico:
sai i carci in culo s’era vivo Enrico!!!»
A questo punto, chi era testimone,
narra de ‘n fatto soprannaturale.
Sur muro, accanto alla televisione,
ce sta stampata l’Internazionale,
e a destra, sopra a ‘no stipetto voto,
c’è Enrico che soride da ‘na foto.
Beh, quer ritratto vecchio e consumato
tutto de ‘n botto… pare che ha parlato!
«Cari compagni, non vi spaventate,
ma certe cose vanno precisate.
Non era nel mio stile, mai l’ho fatto,
mettermi a pari con un mentecatto.
Ma ve lo immaginate? Per piacere.
Niente schiaffoni o calci nel sedere:
con due parole o tre l’avrei distrutto,
usando l’ironia. E questo è tutto.»
Marisa era svenuta sur divano
e all’artri je tremaveno le mano.
«Anzi, scusate, c’è qualcosa ancora
e ve la devo dire, non la taccio.
Dato che stiamo a Roma, ebbene, allora…
la voglio dire sì, ma in romanaccio!
Se ‘n tipo come quello se permette
de fa ‘n’affermazione de ‘sto tono,
nun me la pijo co’ lui, chi ce se mette?
So’ i nostri che davero nun perdono.
Quanno parlavo, voi me capivate
erano cose che conoscevate:
diritti calpestati, povertà,
democrazia, giustizia, libertà.
Dopo quante ne ho intese de scemenze,
fino a quer bamboccione de Firenze.
Oggi de che se parla? D’alleanze,
de come finanzià la fondazione,
de chi mannà nelle segrete stanze
o ner consijo d’amministrazione.
E intanto…
Nelle periferie delle città
la pora gente lotta pe’ campà,
vive de sogni semplici e normali
e troppi ‘n so’ né liberi né uguali.
Resiste silenziosa, strigne i denti,
in mezzo alla monnezza e ai delinquenti.
Chi je dà voce? Chi li sta a sentì?
Nessuno, e danno retta a quello lì,
che come er pifferaio li fa micchi
co’ la promessa de li renne ricchi.
Odia l’Europa, l’Africa, la Cina,
parla de onore, patria, disciplina.
A daje er voto ‘n so’ solo i fascisti,
i baciapile o i bottegai tristi,
ma pure tanto popolo ch’è onesto.
Domanda: “Come siamo giunti a questo?”
Semo diversi, certo chi lo nega,
che č’accomuna a quelli della Lega?
Ma tocca dillo, pure se ‘n ce piace,
che chi comanna adesso ‘sto partito,
er popolo assai spesso l’ha tradito
e de parlaje nun è più capace.
Io er popolo l’ho amato pe’ davero,
e lo sapeva. Quanno v’ho lassato
quer sentimento nobile e sincero
coi canti e il pianto me l’ha dimostrato.
Chi pe’ davero vole rispettà
er sangue speso pe’ la libertà
deve raccoje quell’eredità.
Niente salotti, brindisi e banchieri,
ma scuole, campi, fabbriche e cantieri.»


Media 3.00 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*