BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Apr
16

« Quirinale circus»

S


ono tutti impegolati a confabulare la scelta del nome del prossimo presidente della Repubblica, e per quelli che stanno brigando dovrebbero far memento che “chi entra papa nel conclave, ne esce cardinale” ; ci sono troppi interessi tra le parti da dirimere.
Il socio dell’Illuminato, dal monte Ararat ha sentenziato : “al Quirinale un non politico”,un po’ difficile da farsi, anche perché di solito chi lo diventa fa parte del sistema e ne conosce i vari giochi di potere. ginostradapresidente Mentre i peones dell’Illuminato, si prosternano alla sua rinuncia, forse dimentichi che il personaggio ha totalmente preclusa a vita la poltrona quirinalizia, al massimo ci va per visita, e la cosa più strana che nella rosa dei nove canditati restanti la maggior parte è politica ; dovranno rifare per forza le terzariequirinalizie.
Da parte del Pdl, la partita è fatta a porte chiuse, la diplomazia tra loro ed il PD
sta tessendo la tela, entrambi hanno bisogno di un superpartes ma che guardi con attenzione i loro interessi personali e partitici.
Una nota di colore, ce la regala la Biancofiore, che ci delizia ancora una volta con le sue boutade, creando un sito Berlusconialquirinale.org, perché a suo dire : “migliaia di italiani, credono che Berlusconi meriti di essere nominato Presidente della Repubblica Italiana per tutto quanto ha creato nella sua vita” ; meglio stendere un velo pietoso davanti a tanto servilismo.
Per gli altri cespuglietti, la partita è quella solita di saltare sul carro del vincitore, questa volta la manciata di voti può servire, e visto come sono combinati gli schieramenti è facile intuire l’ondivaghismo che ci sarà nei mesi a seguire.
Vedremo se ci sarà un outsider o della vecchia nomenclatura, ma di certo avrà il suo da fare, per lasciare un segno importante nella storia repubblicana, dovrà imporre un governo temporale per le poche riforme importanti, in primis la legge elettorale, poi sciogliere le camere e tutti a casa.
Ancora una volta spetterà a cittadini scegliere da ci vorranno farsi rappresentare, e non con liste bloccate o parentami vari, ed ancor più importante che abbiano un briciolo di cognizione delle istituzioni, vista questa triste esperienza.

Media 4.50 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*