BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Feb
10

« Ritorna la santa alleanza »

salvini_pregiudicato

A


bbandonate le feste prataiole con battesimi, lavorando saltuariamente al Parlamento europeo, ma prendendo lo stipendio tutti i mesi, visti i malumori ed i processi in corso tra i leghisti di primo pelo ; s’è fatto il suo partito alla stregua del #pregiudicato e del trombone al pesto.
Visto che ormai i leghisti, dopo le note vicende dalla Bossi family e suo cerchio magico, si erano ridotti ad uno sparuto gruppo ; dalla sua nomina di segretario federale nel 2013 s’è dato il suo daffare per resuscitare la Lega.
Come mentori, ha seguito pedissequamente i “Castore e Polluce mediatici”, ha partecipato ad ogni tipo di talk show, dichiarazioni su ogni tipologia di carta stampata, persino un servizio fotografico stile Play Boy ; sta imperversando lo stivale italico in lungo e largo.
Emulando il nuotatore pentastellato, è sceso anche lui nella bella terra di Trinacria, ma non sono state tutte zagare e cannoli, la città di Palermo se l’era legata al dito accogliendolo con lancio di uova e altri ortaggi, quando è arrivato all’Hotel delle Palme di Palme di Palermo per un incontro con i simpatizzanti di “Noi con Salvini”.
Il comitato di ricevimento era stato organizzato dai giovani di “Orgoglio terrone”, che hanno organizzato una contromanifestazione in via Roma, purtroppo Carabinieri e Polizia avevano creato un cordone a una distanza di almeno venti metri , per evitare che il leghista ricevesse il caloroso segno di benvenuto.
E da bravo politicante consumato dichiara : « Uno dovrebbe essere contestato sulle idee, come lo stop all’immigrazione, sulle partite Iva, insomma non sulla forma ma sulla sostanza. Sulla sostanza sono disponibile a confrontarmi con chiunque. Sulla forma abbiamo già chiesto scusa per il tono del passato ».
Dopo la passeggiata isolana, da bravo volpone visto che il patto del Nazareno è finito in carta straccia, s’è subito dato da fare per tessere le tele di una possibile “rialleanza” con Forza Italia, come ai bei tempi dello sputacchiante.
Cosa c’è di meglio, di una bella cena ad Arcore nella famosa Villa San Martino, purtroppo per lui non come ai vecchi tempi, ma per organizzarsi per fare opposizione a Renzi su ogni fronte, cercando di fare il classico gioco del bastian contrario per allungare i tempi delle riforme, non dimenticando che ci sono le regionali di maggio.
Sottobraccio, se troveranno l’intesa, inizieranno dal Veneto e dalla Liguria, discetteranno sui nomi ma di sicuro è scontata la ricandidatura di Zaia nel Veneto, mentre in Liguria si dovrà discutere di chi scegliere tra i due partiti.
Il bravo Salvini, sa bene che le mire berlusconiane sono per ripristinare l’asse della “ricostruzione del centrodestra” , sulla quale sta suonando la grancassa da giorni, si potrebbe dire l’ultima frontiera per non essere sorpassati da tutti ; è d’obbligo che i capigruppo alla Camera di Forza Italia e Lega dovranno concordare le solite menate di opposizione, non hanno vie di scelta.
Tanto per sapere il “salvinpensiero

Media 4.50 su 5


1 commento

No ping yet

  1. Avatar
    Gianni Cuda scrive:

    tutto torna… il teatrino della politica, beautifull gli fa un baffo… intrighi e svolte epocali… ci credono solo gli italiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*