BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Set
23

RUBRICHE : I pensieri di Falbalà


falbala_matilda


La questione Olimpiadi è l’esempio plastico della folle guerra politica in atto in questo paese. Chiunque abiti a Roma sa perfettamente che la maggioranza dei cittadini NON vuole le Olimpiadi nella capitale, memore dello scempio già compiuto con altri eventi idrovore di denaro che non hanno lasciato granché alla città. Le poche opere realizzate sono lasciate poi in stato di abbandono e la capitale versa nel degrado, fra strade piene di buche, strisce pedonali cancellate dal tempo, sporcizia e rovine che cadono a pezzi. I 5 Stelle (di cui non sono elettrice) hanno portato avanti coerentemente il piano già annunciato in fase di campagna elettorale: il loro NO alle Olimpiadi era stato secco e netto, e quindi inutile stupirsi e gridare allo scandalo. Se hanno preso il 70% dei voti mentre il Pd è stato cacciato con un risultato penoso e umiliante, è inutile rivalersi e mandare minacce larvate fondate sul nulla (vero, Malagò??). Arriverà il momento in cui la politica imparerà a rispettare la sovranità popolare? bello o brutto che sia, il parere del popolo conta e va rispettato. E chiunque abiti a Roma sa perfettamente che qui non servono altre idrovore di denaro, spese inutili, perché non sono certo le Olimpiadi che possono portare il turismo a Roma. Roma è la prima città al mondo quando si parla di turismo e arte. Non conosce eguali in nessun paese di questo pianeta. E quindi per cosa stiamo strepitando? quale incredibile occasione starebbe perdendo? di sicuro perdono i palazzinari, gli inciucioni e gli affaristi, perdono quelli che ci avrebbero guadagnato. E di sicuro non ci avrebbero guadagnato i cittadini, come già visto altre volte. E avremmo pagato, tutti noi, come già avvenuto in passato, attraverso “fantastiche” tasse. Volete fare qualcosa di buono per Roma? sistematela. Rendetela degna di essere una capitale. Sistemate le strade, pulitela, bonificate le periferie. Costa? certo, tutto costa. Ma qui il turismo non manca e non mancherà mai se sapremo trattarla come il gioiello prezioso che è.
E a saldo di tutte le polemiche assurde ascoltate in questi giorni: la vogliamo piantare di attaccare i 5 stelle, caro Pd, che ti devi solo vergognare per la mangiatoia capitolina degli anni precedenti e per le furberie cui stiamo assistendo da mesi tra riforme farlocche e tentativi di scippare il popolo della sua sovranità? E la vogliamo piantare, cari 5 stelle, di replicare all’infinito la tiritera dei “più buoni e più onesti”? vogliamo iniziare a FARE, che è l’unico aspetto su cui verrete giudicati dai cittadini che vi hanno votato?
Sogno il giorno in cui la politica si fregerà del primato della concretezza. Allora sì il popolo si sentirà finalmente rappresentato.

Media 3.00 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*