BLOG : La voce di quasi tutti

« new russian brides that they price underneath. Mail order bride web sites will be technically people who have foreign brides to be on the lookout for life partners. These types of ladies are mainly Eastern European, South Hard anodized cookware and North American. These females from developing countries prefer males via developed nations. A regular Russian Snail mail order woman marriage will occur among a Russian woman and man from the America, Canada or perhaps Australia. These are serious systems build by people who care and attention concerning the sanctity of relationship and real love. This is the idea in back of every all mail order star of the wedding website (these which might be price tag mentioning). Depending on psychiatrists and sociologists, the sensation generally known as like comes to all of us naturally. It is in our biology to want to belong to a clan; normally, this feeling begins future around years of age for men and years old for girls. You will discover exceptions naturally , however the common statistic factors to people age groups. In conclusion, just before venturing in to online dating you should know how a great deal are Russian mail order brides. It is crucial to understand that you have been not buying lady. You are simply spending money on the services offered by the ranking.

»

Apr
20

Sussidio per umoristi in tempo di coronavirus di SERGIO SIMEONE


Il governo, come sappiamo, ha messo a punto il decreto “Cura Italia” per offrire sostegno economico agli italiani messi in difficoltà dall’emergenza coronavirus. Subito dopo che il provvedimento è stato reso noto ci si è accorti (era inevitabile) che una serie di categorie erano rimaste prive di protezione. E’ seguita una fitta serie di segnalazioni, che hanno permesso al presidente Conte di integrare il provvedimento facendovi rientrare tutti i lavoratori, perfino quelli che lavorano in nero.
Eppure, stranamente, era sfuggita proprio la categoria di quei lavoratori che, di questi tempi, si trovano maggiormente in difficoltà: gli autori satirici. Un mestiere difficile ma indispensabile in un frangente come quello che stiamo attraversando: far ridere la gente mentre imperversa una epidemia.
Si è immolato, al bisogno, come al solito, il provvidenziale Matteo Salvini. Il quale, in una intervista a Sky chiarisce innanzitutto che la scienza da sola non ce la fa a battere il coronavirus: ci vuole anche la fede. Ma questa non l’aveva pensata già Papa Francesco? Sì, ma Lui si è rivolto direttamente a Dio, mentre Salvini indica un percorso privilegiato: occorre rivolgersi al cuore immacolato di Maria perché interceda. Poi, non contento di aver indicato un percorso più efficace di quello imboccato dal Papa, ha cercato di scavalcarlo sulla apertura delle Chiese durante la Pasqua: bisogna permettere che i fedeli, magari a 4 o 5 per volta, possano partecipare alla santa Messa.
Tutto bene. Ma il nostro, preso dal fervore religioso, ha dimenticato di risolvere un problema pratico: se davanti ad una chiesa si presentano cento fedeli desiderosi di ascoltare la messa, cosa si fa? Escluso che si possa costringere il povero parroco a celebrare 20 messe, occorre scegliere i 5 privilegiati che possono entrare nel tempio e mandare a casa gli altri. Con quale criterio? Salvini non lo ha detto, ma tutti hanno intuito: prima gli italiani! La messa no, ma la risata era assicurata per tutti. E lui il sussidio da comico disoccupato se l’è guadagnato.

Media 4.00 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*