«

»

Ott
21

Svegliatevi e partecipate


E’ indubbio che un momento politico così basso non l’avevamo mai raggiunto. Non solo la politica è ai suoi minimi termini ma anche i suoi rappresentanti. E’ anche vero che i politici sono eletti in maniera democratica dal popolo quindi, alla fine, noi siamo quello che votiamo. In una recente riunione che riguardava un dibattito sul futuro della città, tra vari esponenti in sala, c’era anche un vecchio politico, il quale ci ha raccontato che 30 anni fa, ai tempi della prima repubblica, i politici di oggi sarebbero stati messi tutti alla gogna. “Noi si andava per le strade e si parlava alla gente, e comunque eravamo visibili sul territorio pronti ad accogliere anche le critiche che ci venivano mosse”. Oggi il popolo che critica non c’è piu’ e al suo posto c’è un popolo che si lamenta senza reagire. L’ho scritto nel precedente post e lo ribadisco ora: nessuno vi obbliga a votare per tizio o per caio. Le bandiere, la tradizione, il voto del nonno non esiste piu’, ma esistono gli uomini. Se forse ci concentrassimo su questo avremo sicuramente piu’ schede nulle e astensionismo ma anche quello sarebbe un messaggio forte. Oppure possiamo iniziare a livello locale cercando di individuare le vere facce nuove che potrebbero essere anche tra la gente comune se solo prendesse consapevolezza. Rinascimento Fiorentino è nato così, da una mia personale iniziativa e per l’amore verso la mia città. A distanza di 5 anni ancora scrivo, ancora mi informo, ancora cerco di partecipare anche se riconosco che non è facile entrare nella psiche dell’elettore che tanto si lamenta ma poco fa. Il 2014 è alle porte e la città reclama aiuto da chi l’ha abita e vive. Svegliatevi e partecipate, altrimenti smettete di lamentarvi!!!!

Media 4.00 su 5


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*