Mar
02

Er lamento der pino

Er giorno che l’amico mio è crollato nun me sarei davero immaginato ché senza né ragione né perché m’avrebbero segato pure a me. Io me sentivo bene, porca vacca. Invece hanno iniziato co’ ‘na tacca e poi è arivato quer morammazzato che co’ la motosega m’ha tajato. Dice che nun c’è spazio pe’ premure, che nun ce stanno…



Feb
14

1945

Tra le macerie bianche della guerra, prostrata, inginocchiata, faccia a terra, nulla sembrava avere più importanza e avevo abbandonato la speranza. La fame le mie viscere straziava, la povertà la carne consumava. Poi ho visto che la vita era più forte dell’orrido sorriso della morte. Ho visto dentro agli occhi della gente, che aveva perso…



Feb
12

L’ombelico

Se sei convinto de cambia’ la tera polemizzando sopra ‘na tastiera, senza mai prenne spunto né lezione convinto d’ave’ sempre tu ragione, t’offenderai, ma nun me frega niente: me tocca ditte che sei un deficiente. Se pensi de divide er monno intero in quer che bianco e in quer che invece è nero, se nun ce provi mai…



Gen
30

L’Intestino

Ce sta chi prova a trascina’ la gente cercanno de parla’ solo alla mente. E poi ce sta chi con passione e amore prova a convince più che altro er core. C’è pure chi conquista le persone smovenno nello stomaco emozione. E poi c’è quello che pe’ fa’ casino parla direttamente all’intestino. A giudica’ da quello che…



Gen
27

Le pietre d’oro

N’erano mattonelle colorate quei sampietrini d’oro do’ hai inciampato. Ma vai de fretta, nun te sei fermato, e nun hai letto i nomi e quelle date. So’ pietre, ma ricordeno persone uccise senza colpa né ragione, omini e donne trascinati via da ‘na spietata e lucida pazzia. Accadde a Roma ar tempo de la guera, e forse…



Gen
25

Er sogno

Dopo che chiusi l’occhi l’artra notte, nun me ricordo quello che ho sognato. Me pare che strillavo, ero arrabbiato, e a ‘n certo punto poi facevo a botte. Ah ecco! Stavo dentro a ‘na cantina che a ‘n certo punto poi s’è trasformata e come casa vecchia è diventata e ho inteso mamma smucina’ in cucina…



Gen
24

Come l’acqua

So’ tante ormai che nun le conto più le volte che pe’ tera so’ crollato. Ma me so’ sempre ritirato su, lo so come se fa, so’ abituato. Ho attraversato il mare ed il deserto, ho preso pugni, schiaffi, bastonate, ed ho dormito lacero all’aperto in un cantone o in case abbandonate. Non temo più il dolore, ed…



Gen
04

La Sincerità

Stavo pe’ er Corso, sabato matina, e me so’ visto dentro ‘na vetrina. – Lo sai che vedo dentro a quello specchio? Un regazzino che se sente vecchio – Una signora mai veduta prima, assieme a ‘na ‘n’altra donna sottobraccio m’ha rattristato er core co’ ‘sta rima tagliente e fredda come fosse ghiaccio. Je chiesi: – Come…



Dic
22

La preghiera der libro

So’ er libro che t’è stato regalato da quell’amico tuo, ieri alla festa, e ancora nun m’hai manco spacchettato ché de sicuro c’hai altre cose in testa. Dentro de me c’è un mondo d’avventure, co’ re spietati ed orride creature, principi e draghi, nobili guerrieri, ‘na storia de incantesimi e misteri. Te posso trasporta’ pe’ due o tre…



Nov
29

I Francesi

Che di’? Nun so’ simpatici sicuro, nun sanno ammette er torto e le sconfitte; te vie’ d’appiccicalli in faccia ar muro quanno che fanno finta de n’ capitte. Ma quanno che je gireno i cojoni ce ponno da’ soltanto che lezioni…



Pagina 1 di 2212345...1015...Ultima »