Dic
16

Quanno torni dalla notte

Quanno che torni a casa dalla notte io so’ già svejo da ‘na mezz’oretta. – Me sento come avessi fatto a botte. Che me lo fai un caffè? Nun vai de fretta? – E intanto che io carico la moka te levi lentamente er majoncino e me racconti co’ la voce roca de quello che t’ha detto…



Dic
14

La formica stanca

‘Na formichina lungo la salita spigneva ‘na mollica grossa e bianca. Faceva ‘sto mestiere da ‘na vita. – Basta! Me fermo qui, so’ troppo stanca – La vide ferma e disse la sua amica: – Ma che sei matta? Lasci la mollica? Riprendi a spigne, nun te fermà mica, pensa ar dovere tuo, sei ‘na formica! –…



Dic
13

Mi scusi Presidente (Me rode)

Scusi se la importuno Presidente, so che er momento è alquanto complicato, ma pure se nun conto ‘n’accidente vorei me desse ascolto. So’ incazzato. Me rode er chiccherone sarvognuno che a comannacce sia ‘n’altro pupazzo, che nun è stato eletto da nessuno, ma è stato designato dar Palazzo. Me rode d’esse stati tutti ostaggio de uno che c’ha…



Dic
12

Il ritorno di Matteo

Chi se crede che so’ morto, che so’ ormai fori dar gioco, presto scoprirà che ha torto e che me conosce poco. Quanno meno ve credete, come ariva l’occasione, sorridente me vedrete ritorna’ in televisione. Dal mio padre putativo, che nun nomino ma è noto, ho imparato a resta’ vivo pure dopo ‘n terremoto. Tornerò e farò spavento…



Dic
07

Il Migliore

Oggi stappi spumante e sei contento perché s’è suicidato quer fregnone. Te sei persuaso che è cambiato er vento e forse speri de torna’ ar timone. ‘Na vorta te chiamavano “Er Migliore” perché sapevi movete, eri svejo. Mo vivi de rimpianti e de rancore e nun dai l’impressione de esse mejo de chi t’aveva ieri rottamato e oggi…



Dic
05

Er gabbiano

Me piace de sta ar sole e nun fa niente mentre me guardo er fiume sotto ar ponte. Intorno a me c’è un bel via vai de gente, er sole cala lento all’orizzonte. Qui se rimedia sempre la pagnotta e niente a che vedè co’ la schifezza che me magnavo prima a Malagrotta quanno beccavo dentro a…



Nov
30

L’astronomo

Ma come fa l’astronomo la sera, dopo avé contemplato l’universo, a ritornà coi piedi sulla tera senza sentisse frastornato, perso? E l’alpinista, sceso dalla cima, chiuso dentro la tenda intirizzito, ma come fa a tornà quello de prima, quanno ha toccato er cielo con un dito? Se te sei perso dentro all’infinito fori da quell’incanto è…



Nov
29

Il leone e il serpente

Dopo ‘na vita a caccia’ zebre e gnù un povero leone malandato, che nun je la faceva proprio più, se fermò stanco morto sopra a ‘n prato. ‘Na zampa era ferita e mezza storta e quanno che zompava je doleva. Nun era più la belva de ‘na vorta, e tutta la savana lo sapeva. Le jene…



Nov
28

Er divano

– Stasera fa freddino, che ne dici se rimanemo a casa e nun uscimo? C’era quer mezzo impegno co’ l’amici? Se poi quarcuno chiama je lo dimo – Me fai un sorriso, se capimo ar volo, io do ‘na riscaldata a le lasagne, c’è la bottija aperta der barolo – Che dici? L’arrostisco du’ castagne? –



Nov
25

Fallo pe’ te. Riprendete la vita.

Dice che è innamorato. Dice che è innamorato alla follia, ma i segni che te lascia sulle braccia me dicono er contrario stella mia. Famme vedè… ‘sto graffio sulla faccia? Er gatto? Nun me dì ‘n’altra bugìa, che papà tuo ce vede bene ancora. Dimme, perchè te fai der male fija? Nun aspettà nemmeno ‘n’altra…



Pagina 13 di 18« Prima...5...1112131415...Ultima »