Lug
24

La paura

Paura de nun esse mai all’altezza, paura de dove’ fa’ assai fatica, paura de smarri’ la sicurezza, paura de deludere ‘n’amica, paura delle botte e del dolore, paura de nun esse corrisposto, paura quanno aspetti dar dottore, paura che – Magari perdo er posto -, paura che – No aspetta, è ancora presto -, paura che – Me…



Lug
21

La fontana delle tartarughe

Me scordo sempre come ce se arriva persa com’è fra i vicoli der ghetto. L’altra mattina la città dormiva – Vojo proprio passacce – me so’ detto. M’ero smarrito ancora, ma a la fine ce so’ sbucato avanti tutt’a ‘n tratto, e ner vede’ quelle tartarughine me so’ incantato ancora stupefatto. Lontano rintoccava ‘na campana, l’acqua cantava e…



Lug
20

Dice che è innamorato

Dice che è innamorato alla follia, ma i segni che te lascia sulle braccia me dicono er contrario stella mia. Famme vede’… ‘sto graffio sulla faccia? Er gatto? Nun me dì ‘n’altra bugìa, che papà tuo ce vede bene ancora. Dimme, perchè te fai der male fija? Nun aspetta’ nemmeno ‘n’altra ora che troppe n’hai patite amore bello…



Lug
19

L’abbraccio

Quanno perdo la bussola e la strada se infila all’improvviso dentro a un bosco, so sempre che qualunque cosa accada potrò conta’ su quelli che conosco e m’amano pe’ come che so fatto, più lupo solitario che cristiano. Pure se vie’ la notte nun m’abbatto e se nun trovo chi me da la mano me immagino che è…



Lug
18

Musetta

Dopo li spari, quando che ha capito che nun je la facevi più a rialzatte, mentre che ogni altro amico era sparito te s’è accucciata accanto pe’ vegliatte. La mano t’ha leccato pe’ n’oretta mentre er respiro lento te lasciava, la stessa mano che da piccoletta quella palletta rossa je lanciava. La stessa mano che, Dio te perdoni…



Lug
17

Cicale

De dietro all’acquedotto er sole cala. Io me ne sto sdraiato sotto a ‘n pino, mentre che l’amichetta mia cicala insiste ner sonamme er concertino. S’azzitta. Poi ripija da do’ ha lassato e ‘n’artra je fa eco in mezzo ar prato. Nun c’ho pensieri, mo fa pure fresco, vorrei esse felice e nun riesco.…



Lug
14

Milla

Quanno m’hai messo dentro a la gabbietta me lo sentivo ormai ch’era finita. M’hai detto: – Su coraggio, piccoletta – Poi la puntura, er buio, e addio a la vita. Addio ar salmone nella scatoletta, addio a le corse in cima a la salita quando sentivo la motocicletta e poi arivavi tu: – ‘N’do stai impunita?- Mo…



Lug
11

La resipiscenza

So tante le parole, Sua Eminenza, che fanno rima co’ resipiscenza. In molte nun ce poi trovà attinenza perché c’è proprio troppa incongruenza. Mo ve ne dico una: l’opulenza parente stretta de concupiscenza. Ce ne sta ‘n’altra ancora: l’impudenza che a volte porta come conseguenza a chi è malato un po’ d’onnipotenza de fa qualche bojata pe’ imprudenza…



Lug
10

Padre mio che sei nei cieli

Scusa se oggi non t’ho mai parlato, ma hai visto la giornata che ho passato. Gianluca è rifinito in ospedale, stavolta era tajata proprio male. M’ha detto er padre: – Spero ner risvejo, ma se lo prende Cristo forse è mejo – Mario oggi è venuto co’ la fija, nun sa come campa’ più la famija. J’ho…



Lug
08

Morte di una quercia

Stavo li dall’ottocento e quann’ero ‘na ragazza dolce me sgrullava er vento quanno entrava nella piazza. Poi co’ l’anni so’ cresciuta piano piano, lentamente; la mia ombra era goduta nell’estate dalla gente. Pe’ cent’anni so’ campata e, mannaggia la pupazza, ero tanto rinomata da da’ er nome a quella piazza. Fino a quando n’è arivato dal Comune un…



Pagina 3 di 1412345...10...Ultima »