Dic
07

Er lupo

Ho inteso che riaprono la caccia, e forse me dovrò nasconne mejo. Certo nun è ‘na nova che me piaccia, ma so come cavammela, so’ svejo. Me piace fa la vita che conosco, libero come er vento dentro ar bosco, e se ‘n ce fosse qualche umano infame dovrei combatte solo co’ la fame. Se so’ bandito…



Dic
04

Er Colosseo

M’hanno dipinto incliti pittori, ho fatto scrive rime a li poeti, ho visto ammazza’ gente e nasce amori ho dato albergo a troje e prosseneti. Ho visto processioni appresso a ‘n cero quando so’ diventato ‘n cimitero. Ho visto cose orribili e stupende, omini fatti a pezzi e maciullati, umili schiavi diventa’ leggende o maledi’ la madre e…



Nov
28

Trecento morti

Fatti a brandelli come l’animali, ma dentro ar core mio nun c’è dolore. E manco dentro ar tuo, ché semo uguali, ché nun ce tocca tutto quell’orrore. Niente bandiere a lutto, né lumini pe’ quei trecento morti. E pe’ i bambini. Forse pe’ er fatto che ce so’ lontani, o forse perché manco so’ cristiani…



Nov
27

La stornellata del poeta smemorato

Certe poesie so’ entrate nella storia, no come quelle mie, de Marazico. Purtroppo me difetta la memoria, nun fate troppo caso a quer che dico. Cantami o diva der Pelìde Achille… quanno che biastimava nel suo idioma. J’usciveno dar naso le scintille preciso a me se vo a vede’ la Roma. Nel mezzo del cammin di nostra vita……



Nov
21

L’ultima cena

Er giorno che decido che so’ stanco de continua’ a anna’ avanti su ‘sta tera, nun me ne andrò cosi, de punto in bianco, ma inviterò da me ‘na bella sera tutti i parenti stretti e ‘n po’ d’amichi com’era in uso fra i romani antichi. Niente discorsi tristi, no, nun piagno, nè vene tajuzzate dentro a ‘n…



Nov
06

Il tenente

Avanzavamo come una marea, in mezzo al fango, verso la trincea. Uscimmo in quattromila quel mattino. Ero tra i primi, fui colpito al fianco. Sono caduto accanto a un ragazzino con gli occhi spalancati e tutto bianco. Dietro di lui mi sono riparato, con il suo corpo mi son fatto scudo. Poi un sibilo, quel lampo ed il…



Ott
24

Davanti alla tomba di Petrolini

Te ne sei annato prima della guera, ma mentre che dormivi nella fossa le bombe hanno squassato quella tera ed hanno sparpajato le tue ossa. Se avessi visto questo ner futuro c’avresti riso su, ne so’ sicuro. Hai dato voce a Roma cor quer fiato e Roma, che lo sa, t’ha tanto amato. E quanno er core infine…



Ott
16

Le catene

Te sento la mattina sur raccordo che fai discorsi solo come un folle mentre ‘n’ascolti più nessuno, sordo, cor sangue nelle vene che ribolle co’ la gastrite che te se divora mentre stai fermo ormai da ‘na mezz’ora. Te vedo quanno torni a casa stanco che brontoli quarcosa alla famija mentre tu moje cionnola de fianco e quella…



Ott
13

L’Ikea

Nun so perché succede, nun c’ho idea, ma è sempre uguale quanno vò all’Ikea. So’ entrato pe’ compramme ‘no scaffale, so’ uscito co’ un carrello mezzo pieno e n’ho comprato niente de speciale, niente che nun potessi fanne a meno. Ho preso ‘na cornice, ‘na piantina, le pile, du’ cuscini blu, un faretto, du’ scatole da mette giù…



Ott
12

La buca

Io so’ ‘na buca e sono nata ieri, o forse è mejo di’ che so’ rinata, perché succede spesso e volentieri che dopo avemme chiusa e rattoppata in ogni condizione ed ogni clima risorto fori grossa più de prima. Tu te la piji co’ me che so’ innocente perché te fò casca’ dar motorino, o sfonno sospensioni…



Pagina 4 di 18« Prima...23456...1015...Ultima »