Lug
17

Cicale

De dietro all’acquedotto er sole cala. Io me ne sto sdraiato sotto a ‘n pino, mentre che l’amichetta mia cicala insiste ner sonamme er concertino. S’azzitta. Poi ripija da do’ ha lassato e ‘n’artra je fa eco in mezzo ar prato. Nun c’ho pensieri, mo fa pure fresco, vorrei esse felice e nun riesco.…



Lug
14

Milla

Quanno m’hai messo dentro a la gabbietta me lo sentivo ormai ch’era finita. M’hai detto: – Su coraggio, piccoletta – Poi la puntura, er buio, e addio a la vita. Addio ar salmone nella scatoletta, addio a le corse in cima a la salita quando sentivo la motocicletta e poi arivavi tu: – ‘N’do stai impunita?- Mo…



Lug
11

La resipiscenza

So tante le parole, Sua Eminenza, che fanno rima co’ resipiscenza. In molte nun ce poi trovà attinenza perché c’è proprio troppa incongruenza. Mo ve ne dico una: l’opulenza parente stretta de concupiscenza. Ce ne sta ‘n’altra ancora: l’impudenza che a volte porta come conseguenza a chi è malato un po’ d’onnipotenza de fa qualche bojata pe’ imprudenza…



Lug
10

Padre mio che sei nei cieli

Scusa se oggi non t’ho mai parlato, ma hai visto la giornata che ho passato. Gianluca è rifinito in ospedale, stavolta era tajata proprio male. M’ha detto er padre: – Spero ner risvejo, ma se lo prende Cristo forse è mejo – Mario oggi è venuto co’ la fija, nun sa come campa’ più la famija. J’ho…



Lug
08

Morte di una quercia

Stavo li dall’ottocento e quann’ero ‘na ragazza dolce me sgrullava er vento quanno entrava nella piazza. Poi co’ l’anni so’ cresciuta piano piano, lentamente; la mia ombra era goduta nell’estate dalla gente. Pe’ cent’anni so’ campata e, mannaggia la pupazza, ero tanto rinomata da da’ er nome a quella piazza. Fino a quando n’è arivato dal Comune un…



Lug
07

Er sacchetto

Me presento: so’ er sacchetto. Dovrei sta’ ner cassonetto, ché so’ pieno de monnezza. Guarda invece che schifezza: è bastata ‘na mattina e ‘sto sito è ‘na latrina. Mo te spiego. Quanno ieri mattina m’ha buttato quer porco che de roba m’ha riempito ‘sto giardinetto era assai pulito e guarda adesso com’è diventato. Basta che er primo scarica…



Lug
06

Pepe

Pe’ qualche anno ho fatto er Presidente de ‘n piccolo paese: l’Uruguay. So’ amato e rispettato dalla gente e sai perché? Nun l’ho fregati mai. È capitato che so’ stato male, ho fatto la mia fila all’ospedale. Se c’era da spostasse, e era vicino, adoperavo er vecchio Maggiolino. La parte de stipendio in eccedenza l’ho fatta destina’ in…



Lug
05

Nun posso più

Oggi chissà se hai pianto o no all’asilo, l’altra mattina me s’è stretto er core. Manco co’ l’amichetto tuo Danilo te sei calmata un po’, povero amore, manco co’ la maestra Maria Pia. Volevi che papà te stesse accanto, volevi che nun se n’annasse via. Piccola stella mia quanto che hai pianto. M’hai detto – Sei cattivo! –…



Lug
04

Due giorni

Due giorni sono stato sulla terra con gli occhi chiusi in un’incubatrice. Dove son nato io ci sta la guerra, la gente è disperata ed infelice, nessuna canzoncina o dolci suoni, ma solamente urla ed esplosioni. L’ultima è stata quella che ha colpita la macchina che mi teneva in vita. L’aria mancava, è stato doloroso, il mio respiro…



Giu
30

L’incendio

M’avevano legato alla catena, mannavo giù l’avanzi della cena. Ho inteso er tintinnare delle chiavi, le voci concitate degli schiavi. Bruciava tutto, più non respiravo, batteva forte er core ed abbaiavo. Poi venne giù er solaio tutt’a ‘n botto e senza scampo so’ rimasto sotto all’anta scardinata der portone. Quanto ho dormito? Dov’è il mio padrone?…



Pagina 5 di 16« Prima...34567...1015...Ultima »