BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Feb
22

… tanto pe’ cantà … di Francesco Briganti

dallarete01


Quale che fosse la religione presa in considerazione trovereste un mito, una storia, una favola, classificatela come volete, che descriverà in quale modo è apparso quel primo essere, anzi quei primi due, dai quali tutti noi discendiamo. Sarà una descrizione mistica oppure fantasiosa, o anche fantascientifica, ma e comunque ad essa ci si potrà approcciare con più o meno fede, con maggiore o minore scetticismo, con la più ampia e disinibita razionalità.

Viceversa secondo la teoria darwiniana, l’uomo è una diretta conseguenza di un prima scimmia ad essersi decisa a scendere dagli alberi, ad essersi alzata su due zampe, ad aver apprezzato l’andamento eretto al punto da volersi spostare di continuo, ad aver passo dopo passo colonizzato l’intero pianeta, ad essersi elevata, mentalmente e fisicamente, al punto da doversi inventare un dio, quale che fosse, per dare una qualche risposta ultima a tutte le domande che via via si poneva.

La realtà, quale che fosse la motivazione che ognuno preferisce, è che su questo pianeta, in questo preciso momento e secondo per secondo, i sette miliardi e rotti di essere umani aumentano in maniera esponenziale al punto tale che prima o poi, ed a prescindere da come chi pensi cosa, questo pianeta stanco di essere spremuto come un limone, troverà il modo di mandarci tutti quanti, e se non tutti la maggior parte, a prenderla nel didietro giacché l’uomo, maschio e/o femmina che sia, è geneticamente un genio stupido: cresce, cresce e cresce ancora, ma non riesce mai a comprendere quando è il momento di mettere un punto e darsi una regolata.

“ (…) AL TAVOLO DELLE TRATTATIVE sono sedute da mesi molte anime difficilmente conciliabili. Diem25 e Potere al popolo sono arrivati subito in rotta di collisione sul tema Europa, con il movimento di Yanis Varoufakis intenzionato a una riforma dell’Unione europea dall’interno e Pap schierata con la francese France Insoumise su una richiesta di rottura dei Trattati. Il sindaco ( De Magitris; ndr) non vorrebbe perdere Pap per portare in campagna elettorale uno degli elementi che ha caratterizzato la sue esperienza amministrativa, il rapporto con i movimenti.

Ma dall’altro lato la presenza di Potere al popolo ha scatenato la reazione non solo di Diem25 ma anche di Possibile (che ha l’eurodeputata Elly Schlein), de L’Altra Europa con Tsipras e di Sinistra italiana, tutti contrari a entrare in un contenitore che potrebbe essere etichettato come sovranista di sinistra. (…) “
(il mannifesto-it)

Se l’uomo è cosi, e lo è, fatto in questo modo, non si capisce il perché dello stupirsi se anche in politica i suoi comportamenti sono quelli di uno stupido senza alcuna coscienza, dirittura morale, dignità ed onore, rispetto per sé stesso e per gli altri.

Non segue mai, ma proprio mai, quelli che potrebbero essere gli interessi generali e, quando gli capta di assurgere ad un potere decisionale, quale che fosse, ecco che scatta nel suo fare una sorta di criterio di precedenza che si articola su pochi sostanziali punti a gradienti più o meno di importanza differiti dall’uno all’altro:

a) L’interesse personale;
b) L’interesse della propria parte;
c) L’interesse di un supposto padrone;
d) Il favorire questo o quello;
e) Il mettersi contro questo o quello;
f) Il sentirsi migliore di qualcuno considerato peggiore;

ed alla via così per ogni distinguo possibile nell’ambito dello scibile umano che quando riguarda la poltica diventa idiozia applicata ai minimi – massimi sistemi.

Quando questi ultimi riguardassero la sinistra, dal “ minimissimo sistema al massimissimo sistema “, se va bene petaloso io scrivo quello che mi pare anche un superlativo di un superlativo, tutto si moltiplica per milioni di volte ed una realtà che sembrerebbe lapalissiana anche a quella primordiale scimmia scesa da un ramo:

“ OCCORRE UNIRSI PER COMBATTERE UNA DESTRA CHE AVANZA A GRANDI PASSI “

diventa un fumus dentro al quale ognuno si perde in funzione di quel cavillo, di quel personalismo, di quella miserrima miseria umana che fa un essere razionale il più squallido degli individui.

Ho spesso parlato di base della sinistra in contrasto con i RAS della sinistra, ma c’è poco da prendersi in giro giacché per quanto squallidi siano se esistono quei ras è perché esiste un’altrettanto squallida e perfida, per piccolissima che fosse, base che li elegge e li sostiene, dunque sembrerebbe inutile fare appello ad ogni base e/o a tutte affinché faccia/no quello che ai capi non riesce.

Allora bisogna rassegnarsi ad un destino che porterà il fratello contro il fratello con i soliti noti che prima o poi penderanno a testa in giù in una qualche piazza?.

No!, affatto!.

E’ alle persone che bisogna parlare; è andando di casa in casa, di piazza in piazza che si ricostruisce un’anima comune; è cominciando a combattere le ingiustizie fino a sconfiggerle che si fanno proseliti e si accomunano compagni di viaggio; è facendo meno i furbi che gli intelligenti daranno un sostegno: alla sinistra non servono piazze piene e genuflesse, servono persone altruiste ed oneste che hanno a cuore i loro simili, che tutelano gli interessi di quei simili, che sono disposte al sacrificio affinché ci sia finalmente un mondo più giusto e vivibile!.

SAPEVATELO finalmente!.

Ecchecacchio se va bene petaloso …

Media 4.00 su 5


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*