«

»

Giu
27

« Tanto tuonò che non piovve »

I


eri torme di giornalisti, s’aggiravano in agguato nei dintorni di Palazzo Chigi, per avere notizie dell’incontro tra il giovin Letta ed il B, unitamente ad altri due convitati il cavalier servente, quello senza quid, e l’eminenza grigia alias zio dell’attuale Presidente del Consiglio
Ci si aspettava che accadesse un incontro aspro con varie reprimende, per non aver aiutato il povero perseguitato dalle toghe rosse, invece la cena ha portato buon consiglio.
Il B, in grazia di Dio, rassicurava la sua lealtà all’Esecutivo, ma con la clausola di dare il suo sostegno al governo alle misure concrete che saprà prendere cioè un’intesa sia sull’Iva, con un rinvio a settembre e la ventilata possibilità di un congelamento dell’aumento dell’imposta, ed in aggiunta il desiato pacchetto lavoro.
Quindi niente de bello giudiziale, ma un ammorgiamento sui dati di fatto, ben conscio che andare allo scontro adesso sarebbe un vero e proprio suicidio politico ; oltre che al Senato tira aria di fronda e ritrovarsi senza larghe intese basta un amen.
Quindi mantenere alta la pressione sul governo, con il solito refrain; che dura da illo tempore, che per durare l’Esecutivo deve rispettare il programma concordato, iniziando dai nodi cruciali dell’Iva e dell’Imu.
Il giovin Letta ha esternato : «È andata bene, è stata una buona discussione sull’Europa, sul tetto del 3% e sul rilancio dell’economica … Anche la lunghezza dell’incontro, mi pare dimostri che non c’è volontà di rompere» ; ma conoscendo la vecchia volpe di fare attenzione a non sottovalutarlo.
Adesso, è il momento che il governo inizi quel famoso “fare”, senza fare inutili giri di parole o mendaci promesse ; il tempo di fare le riforme è molto breve, non ci si può fare illusioni che questo governo duri abbastanza.
Fatto confermato dalla dichiarazione del B : “Non possiamo far finta di niente e un segnale sulla giustizia è necessario”, la risposta del Letta che : “Il programma è quello che è stato votato in Parlamento e la giustizia non c’è” ; quindi una velata minaccia su quello che gli sta più a cuore al perseguitato.
Della manifestazione circense, in rossetto stile drag quenn e qualche altra comparsa femminile, alla quale nessun movimento femmista s’è sentito toccato ; non è quello che gli aiuta la baracca ; gli serve tornare alle folle oceaniche con milioni di voti di consenso ; ma purtroppo la Magistratura è dietro l’angolo.

Media 4.33 su 5


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*