BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Mar
27

Totem, tabù e l’editto di Seul del presidente “precario” di Stefano Clerici


ORA DI PUNTA


“Se il Paese non è pronto, il governo potrebbe non restare”. Parola di Mario Monti. Non è la prima volta che il presidente del consiglio sottolinea di essere il capo di un governo a tempo determinato, un “precario” della politica (chiamato a fare quel “lavoro sporco” che la politica non era in grado di fare) e che il Parlamento può in qualsiasi momento mandarlo a casa. Ma è forse la prima volta che, con il consueto stile, ricorda a tutti che – come ogni altro inquilino – chi alloggia a Palazzo Chigi è sì soggetto a sfratto, ma ha anche la possibilità di disdire egli stesso il contratto e di andarsene, magari sbattendo la porta.

Media 3.00 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*