BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Dic
13

« Troppi galli a cantar non fa mai giorno. »

A


quanto pare , la ridiscesa nell’agone politico del ‘patonza’ (ormai mummificato dagli strati di cerone), ha fatto da concime ai cespuglietti della politica ; ne stanno spuntando fuori come funghi prataioli. Partendo dal vaso di Pandora,. del cujus Pdl, correnti e movimenti a tutto spiano ; s’è alzato un polverone di fronda interno da sembrare un ghibli , i vari colonnelli e badanti tutti a cerca di una nuova verginità politica.
Dalle parti del PD, i brontosauri aspettano di vedere che aria che tira, nel frattempo i magnifici due si guatano col sorriso mefistofelico, sanno bene che di riffe o di raffe devono tenere in piedi la baracca non è aria di fare scissioni.
E poi con la genialata di fare le primarie per le prossime elezioni, tutti gli apparati si sono messi in moto come ai vecchi tempi preistorici del Pci ; di conseguenza aumentando le paure al patonza dell’arrivo dei bolscevichi.
Gli altri partiti, sono alternanti come la borsa, il chierico dell’UDC è convinto di far resuscitare la “balena bianca” di remota memoria ; che c’azzecca dopo le vicissitudini dell’Italia dei valori immobiliari è pressoché sparito, la Lega cerca di tornare ai grandi fasti del rutto libero e dito medio.
Il movimento del “Pataccovich”, è in gran spolvero di epurazioni e messaggi di chiaro stampo staliniano, il politburo dei due illuminati non lascia spazio ai dissidenti ; forse non era proprio peregrina la definizione data da un aderente che il movimento sembrava Scientology.
Ma il bello di tutta questa storia, che i vari galli a cantare per le elezioni, usano più o meno lo stesso spartito, ma visto che la legge elettorale è rimasta la “porcata” ; sarà ben difficile vere il giorno delle riforme.

OkNotizie

Media 4.60 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*