BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Mar
09

Uno scambio di casacca? di Ennio Simeone


ORA DI PUNTA


Il dilemma nel Pd è, più o meno, il seguente: a) sostenere fino in fondo la linea di Pierluigi Bersani (cioè, presentiamo il nostro programma in 8 punti e se i grillini lo appoggiano si fa il governo con una forte maggioranza altrimenti si torna alle urne e il movimento 5 Stelle se ne assume la responsabilità di fronte agli italiani e a coloro che lo hanno votato); oppure: b) sostenere la linea di Umberto Ranieri, condivisa senza dirlo esplicitamente da D’Alema ed alcuni altri (cioè, lasciare aperta, in alternativa all’ostinato rifiuto dei grillini, l’ipotesi di un “governo del presidente” formato da “alte personalità” con una maggioranza della quale facciano parte tutte le forze presenti in parlamento meno i Cinquestelle).
E’ appena il caso di far notare che il più esplicito sostenitore di questa seconda ipotesi, Umberto Ranieri, è direttore della Fondazione “Mezzogiorno-Europa”, voluta e patrocinata da Giorgio Napolitano. Il quale ieri ha detto che “i problemi urgenti del paese non possono aspettare, devono ricevere risposte e dunque richiedono che l’Italia si dia un governo ed esprima uno sforzo serio di coesione in un clima disteso e collaborativo”.
Ne ha approfittato il segretario del Pdl, Angelino Alfano, il quale – in momentanea assenza del “principale”, ricoverato in ospedale per una congiuntivite casualmente concomitante con una congiuntura giudiziaria – ha detto: “Noi chiediamo al Pd di non impiccare l’Italia ai propri interessi egoistici e di partito. Se sono in grado di fare un governo, lo facciano e lo facciano rapidamente, altrimenti torniamo al voto”. Che è, in realtà, la linea Bersani.
In clima di coesione nazionale si potrebbe anche ipotizzare uno scambio di casacca tra Ranieri e Alfano. Non sarebbero sospettati né di inciucio né di corruzione, almeno fino a quando Berlusconi, guarito dalla congiuntivite e riacquistata la sua vista lungimirante, non dirà che anche questo secondo “governo del presidente” ha rovinato l’Italia.

Media 3.00 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*