BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Apr
29

« Deliri d’onnipotenza da Marina di Bibbona »

C


on questo proclama il polo italico è stato reso edotto : « Il 25 maggio è un bivio. Se il Movimento 5 Stelle vincerà le Europee, andrò da Napolitano e chiederò di poter avere il governo in mano. Prepareremo una squadra di governo…. Da questa campagna elettorale mi aspetto una marcia trionfale. Prima pensavo di vincere, adesso stravinceremo».
Questo è la base dell’intervista fatta al “guru”, da Rai 3 ed Agorà, mentre passeggiava con la giornalista in spiaggia ritemprandosi delle fatiche politiche,
ma le mirabilia grillesche non finivano lì, essendo in piena campagna elettorale, non poteva esimersi di lanciare i buoni propositi ; che dopo il voto classicamente finivano nel dimenticatoio.
Approfittando politicamente del problema “Piombino”, esternava :
«Il reddito di cittadinanza è uno dei punti primari del nostro programma, chissà quante persone perderanno il lavoro nella siderurgia. Milioni di persone resteranno per strada».
Poi per rincalzo : « Se fossi andato a Piombino con il reddito di cittadinanza, il rapporto con gli operai sarebbe stato completamente diverso ; ci sarebbe stato il dialogo, perché se perdi il posto ma hai mille euro al mese per tre anni e ti puoi scegliere un’altra occupazione, non hai una patologia sul lavoro e una drammaticità».
Quindi il bengodi italico sarebbe di mettere a spesa, per un triennio più o meno 36.000 euro, ai milioni di disoccupati una forma sostitutiva della cassa integrazione, solo che il piccolo problema è di stampare sufficientemente euri, altrimenti si usano quelli del Monopoli
Poi visto che solo elezioni europee e si parla d’Europa, un altro roboante messaggio : «Se vinco le Europee, il fiscal compact lo strappiamo lì davanti … Andiamo a discutere gli eurobond, e, se siamo una comunità, spalmiamo il debito … Andiamo a togliere il vincolo del 3 percento del pareggio di bilancio » ; conclusione in crescendo verdiano : « In Italia sarà una meraviglia, un nuovo Rinascimento, questo sistema è imploso, non funziona più».
Per soprammercato, dal Sinai/blog, ha sentenziato : « Se il M5S -scrive – sarà votato come primo gruppo politico alle europee dovranno avvenire due cose, immediatamente. La prima è che Napolitano dovrà dimettersi, non rappresenta più da tempo il sentimento del Paese né la volontà degli elettori. Potrebbe ritirarsi a Cesano Boscone, ed incontrare con tutto comodo una volta alla settimana il noto pregiudicato, quasi meglio di adesso che deve farlo scomodare al Quirinale» .
Altro che mirabilia, siamo difronte ad un novello Mosè che scenderà nel parlamento europeo, ed imporrà la legge delle sue tavole ; dando per scontato la perdita, ormai conclamata, del partito del pregiudicato ; ed una sconfitta del PD e suoi sodali, gli altri non fanno testo.
Senza dimenticare, che tanto in Europa che nel paese, sarà legge vigente solo il suo pensiero unitamente al socio, e come auspicava “una dittatura morbida” ; quindi invece di andare alle adunate oceaniche di piazza Venezia, saltelleremo per i campi sostituendo con vibranti “cri cri” gli eia eia alalà .

Media 4.60 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*