BLOG : La voce di quasi tutti

«

»

Feb
05

La bomba sulla democrazia


Nel 1925 quando Mussolini si insediò al Governo nacquero, in maniera più o meno ufficiale, le “squadracce” che arrivarono fra tutte ad essere un vero esercito, che su tutto il territorio nazionale portarono la violenza fascista contro oppositori politici. L’operato di queste squadre è storia nota e dal 48′ ad oggi non c’è stata epoca politica che le abbia prese in considerazione come esempio da non seguire. La bomba carta di ieri lanciata verso la Libreria il Bargello che ha una sola colpa di essere “di destra” ha fatto riemergere spettri di un passato che poco hanno a che spartire con la democrazia. Ma chi ha tirato la bomba, i fascisti? Non penso, anche perchè ad una recente manifestazione contro la stessa libreria in prima fila a sfilare c’era proprio il presidente del Quartiere 2 Pierguidi come portabandiera del PD. Quindi mi sfugge una cosa: oggi i nuovi fascisti sono di sinistra? Come funziona? Si professa la democrazia eliminando ideologie non allineate? Mi piacerebbe avere una risposta dallo stesso presidente Pierguidi che ad oggi non mi sembra che abbia detto qualcosa in merito o condannato l’evento. Personalmente non sono un frequentatore della libreria il Bargello ne tanto meno di una Casa del Popolo ma trovo molto pericoloso un episodio del genere, tanto più una bomba, in mezzo a un quartiere. Ad oggi nessuno si è preso la briga di scusarsi per questo atto fascista e brutale. Nella libreria ci sono libri e non mi sembra che gli investigatori abbiano ravvisato un retro bottega “carbonaro” ricco di armi e mazze. Una bomba contro una libreria di destra senza una condanna può presagire una bomba contro una libreria “diversa”, magari una libreria buddista, oppure chissà quante altre. Credevamo di esserci liberati dai fascisti, ma ce ne sono più di quanto sembra e il loro vessillo non è una croce celtica ma una bandiera arcobaleno.

Media 3.00 su 5
Share


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


*